Blitz di Greenpeace all’assemblea di Generali: “Basta assicurare il carbone”

Gli attivisti chiedono al gruppo di smettere di assicurare le miniere e le centrali a carbone in est Europa e Polonia. Generali: “Abbiamo strategia sui cambiamenti climatici”

immagine del blitz di Greenpeace all'assemblea di GeneraliManifestazione di Greenpeace alla Stazione marittima di Trieste poco prima dell’assemblea degli azionisti di Generali. Gli attivisti dell’associazione ecologista si sono arrampicati sul tetto dell’edificio e hanno calato uno striscione con la scritta “Generali basta assicurare carbone e cambiamenti climatici”.

“Chiediamo a Generali di smettere di assicurare le miniere e le centrali a carbone in est Europa e Polonia” ha affermato Luca Iacoboni, responsabile campagna energia e clima di Greenpeace.

Gli attivisti hanno poi portato dei sacchi di carbone all’ingresso dell’edificio dell’assemblea Generali per protestare contro gli investimenti del gruppo nella fonte fossile chiudendo l’area con transenne e un cartello con la scritta “Attenzione: cambiamenti climatici in corso”.

Generali da parte sua ricorda di aver approvato a febbraio in consiglio di amministrazione una strategia sui cambiamenti climatici e il business sostenibile, in linea con i principi del Global Compact e della Paris Pledge for Action definita nell’ambito di Cop 21, in cui sono previste azioni sugli investimenti del gruppo.