domenica 24 Gennaio 2021

Stoviglie rinnovabili

Produzione BioTable

Il passaggio dai prodotti in plastica monouso a quelli riciclabili rappresenta uno dei banchi di prova su cui, in Italia, si sta testando la voglia di economia circolare da parte della Gdo (grande distribuzione organizzata). È una partita giocata sin dal fischio d’inizio da BioTable, marchio green della società campana Imi che propone soluzioni più sostenibili per bicchieri d’acqua e caffè, piatti fondi, piani, per frutta e dessert e per la pizza.

A sei mesi dal lancio dei nuovi prodotti biobased – vale a dire compostabili, biodegradabili, derivati da materiali vegetali rinnovabili, atossici e non inquinanti – la società ha raggiunto l’obiettivo di dedicare il 30% della propria produzione a questa nuova linea, rispettando gli standard Ue e riducendo l’impatto ambientale di circa il 70%. Un nuovo modello di fare impresa di cui si sta accorgendo sempre più il mercato, come conferma la responsabile marketing e comunicazione di BioTable, Andrea Cuccaro. «I nostri prodotti sono stati scelti dalle principali catene della gdo nonostante la mancanza di un quadro normativo chiaro – spiega – Alcuni distributori hanno già bandito i prodotti in plastica tradizionale e hanno scelto BioTable, preferendolo ai prodotti di importazione in polpa o a quelli in carta che non rispondono a una reale soluzione green». Per compiere questo processo innovativo molto dipende dalle scelte dei consumatori. «Attraverso i social network abbiamo attivato un confronto costante con loro – conferma Cuccaro – Ci sono situazioni e realtà in cui l’utilizzo del monouso è l’unico possibile, ed è in questi casi che l’alternativa deve essere realmente ecosostenibile. Per questo abbiamo deciso di investire sulla ricerca e sull’innovazione dei materiali, l’unico modo per competere con tecnologie mature provenienti da Paesi extraeuropei».

*Articolo pubblicato sul numero di novembre di Nuova Ecologia

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia