sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Biologico, è il Sud a guidare la crescita del settore

Secondo il rapporto “Ismea-Bio in cifre 2020” il 51% della superficie biologica nazionale si trova in quattro regioni di cui tre sono meridionali: Sicilia, Puglia e Calabria. L’esperienza di Igea, società di Vibo Valentia

di MARIA PIA TUCCI

Il trend del biologico in Italia espone il segno più e conferma il Belpaese come il maggiore produttore di biologico in Europa. Al 31 dicembre 2019 a una superficie coltivata di quasi 2 milioni di ettari corrisponde un numero di operatori che supera le 80mila unità. Dal 2010 l’incremento registrato è di oltre 879 mila ettari e 29 mila aziende agricole. Altro dato molto interessante, diffuso dal rapporto “Ismea-Bio in cifre 2020”, redatto dal  Sistema d’informazione nazionale sull’agricoltura biologica (Sinab), dice che il 51% dell’intera superficie biologica nazionale si trova in 4 regioni: Sicilia (370.622 ha), Puglia (266.274 ha), Calabria (208.292 ha) ed Emilia-Romagna (166.525). Rispetto al 2018, la variazione risulta in crescita del 4% in Calabria, dell’1% per la Puglia e del 7% per l’Emilia-Romagna, solo in Sicilia si registra un calo del 4%. Una buona notizia per l’intero comparto agro alimentare del mezzogiorno e anche per la Calabria che vede molto spesso sottostimato la potenziale ricchezza legata all’agricoltura .

E dalla Calabria arriva anche la notizia che Igea dal primo gennaio 2021 è diventata partner strategico di Csqa, principale Organismo di certificazione in Italia nel settore agricolo e alimentare con oltre 65 prodotti Dop, Igp, Stg controllati e decine di migliaia di aziende certificate in ambito volontario. Igea è una società di professionisti con sede a Sant’Onofrio (Vv), in uno storico stabile che è stato l’antico mulino d’Urzo e che da vent’anni coinvolge 22 fra quadri tecnici e specialisti del settore agroalimentare, forestale e ambientale, eroga servizi di orientamento, controllo e certificazione per migliaia di imprese agroalimentari biologiche e delle produzioni tipiche. Con Maurizio Agostino, presidente di Igea, parliamo di questo importante dato che non è solo di produzione, ma che ha anche una ricaduta sociale e di innovazione per il comparto agro-alimentare del Sud.

Quanto è importante la filiera del biologico?

Il primo dato importante a mio avviso è l’incidenza delle superfici agricole biologiche sulla superficie agricola complessiva. In Italia il biologico si pratica su oltre 1,9 milioni di ettari, circa il 15% della superficie agricola nazionale. E’ un dato importante e rilevante. Lo è ancora di più nel Sud Italia, dove l’incidenza delle superfici agricole biologiche arrivano al 20%, sul totale coltivato. La Sicilia è arrivata al 25%. Ma il dato più elevato è in Calabria, dove si arriva al 36%. Ecco il primo risultato del biologico nel nostro paese è di aver liberato dalla chimica di sintesi (cioè dai veleni) milioni di ettari, con risultati molto più rilevanti nelle aree meridionali. Vi è poi da considerare che l’agricoltura biologica viene praticata da oltre 80 mila operatori, fra aziende agricole e di trasformazione. I consumi dei prodotti biologici hanno raggiunto nel nostro paese i 4,3 miliardi di euro. Insomma siamo ben oltre la “nicchia”. Oggi l’agricoltura biologica è un vero e proprio comparto agroalimentare, parte integrante e significativa dell’intero sistema alimentare Italiano, ed in costante crescita.

Cosa conferisce alle aziende il marchio Bio?

In primo luogo l’agricoltura biologica accresce la sostenibilità dei processi produttivi agricoli e del valore nutrizionale e salutistico dei prodotti. Questo aumenta le capacità di vendita delle aziende, che attraverso la certificazione biologica possono accedere a mercati più evoluti e qualificati. Crescono le opportunità di valorizzazione economica (e non solo) dei prodotti agroalimentari. Vi è anche un altro aspetto da considerare, spesso trascurato. La pratica dell’agricoltura biologica migliora generalmente il rapporto fra una azienda, la comunità locale di riferimento ed il territorio circostante. Non è un aspetto trascurabile, se si pensa al fatto che è sempre più strategico il rapporto fra imprese e sistemi locali civili ed economici.

Quanto è importante per la valorizzazione e la salvaguardia delle tipicità ma anche per l’innovazione dei territori?

Un prodotto biologico è ottenuto con metodi di produzione sani, che escludono la chimica di sintesi e le pratiche più estreme di forzatura delle produzioni agricole e di allevamento. Questi requisiti di salubrità e di rispetto dell’ambiente sono il primo passo verso la tipicità, che è il legame tradizionale fra una produzione agroalimentare ed il suo territorio di riferimento. Non possiamo pensare di scegliere un prodotto tipico, se questo provoca il dissesto del territorio o contiene residui chimici velenosi o conservanti dannosi per la salute. Il legame fra tipico e biologico è quindi più che significativo, anche se non sempre scontato.

Garantire la filiera biologica dal produttore al consumatore. È possibile?

Certo che si. Oggi è stato sviluppato in tutta Europa un sistema di controllo di aziende, coltivazioni, allevamenti ed attività di trasformazione e vendita del prodotto. Sono identificate tutte le unità produttive e sono sottoposte a continue verifiche e monitoraggi, da parte di personale specializzato, che si avvale anche di metodi di indagine analitica sempre più sofisticati ed efficaci. A questi controlli si aggiungono quelli che operano in autocontrollo gli stessi operatori e le catene di vendita dei prodotti biologici, sempre più attenti a prevenire cause di frode. Insomma possiamo affermare che i prodotti biologici sono i più controllati e sicuri per il consumatore finale.

La Calabria diventa punto di riferimento nel Sud Italia per le certificazioni BIO e referente per le certificazioni volontarie di Csqa grazie alla partnership strategica e organizzativa siglata con Igea. Cosa significa tutto ciò?

Significa che l’esperienza maturata da Igea in oltre 25 anni di attività nei controlli e nella certificazione biologica oggi trova uno sbocco strategico nel più grande organismo di certificazione dell’agroalimentare italiano. Solo due dati. Csqa oggi in Italia controlla e certifica 65 denominazioni di origine, fra cui quelle di importantissimi prodotti che hanno una diffusione internazionale, si pensi ad esempio al Grana Padano Dop o al Prosciutto di Parma Dop. Ed inoltre è l’organismo che per primo ha lavorato sulla certificazione volontaria di prodotto, al servizio della caratterizzazione dei prodotti agroalimentari italiani e dello sviluppo delle più importanti filiere del nostro paese. Con il partenariato fra Igea e Csqa le nostre esperienze in materia di controllo e certificazione delle produzioni biologiche trovano una sinergia ed una elevata integrazione con tutti i sistemi di garanzia della tipicità e della qualità agroalimentare italiano. Questo comporta per noi un lavoro più efficace e qualificato. E per le imprese, con cui ci rapportiamo in tutto il Sud Italia, la possibilità di integrare la produzione biologica nei sistemi di garanzia che sono richiesti per per accedere a mercati nazionali ed esteri sempre più attenti alla salute ed alla sicurezza dei consumatori.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto