giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

La bioeconomia delle foreste: conservare, ricostruire. Rigenerare

Boschi Italiani

Attraverso il secondo Forum nazionale sulla bioeconomia delle foreste (30-31 ottobre 2019, Roma – We Gil, L.go Ascianghi 5) intendiamo contribuire a migliorare la conoscenza del nostro patrimonio forestale e aumentare la consapevolezza che una buona gestione di questa importante infrastruttura verde può incidere in maniera significativa sulla qualità della nostra vita e nell’economia. Conservare, ricostruire, rigenerare è il sottotitolo scelto per questa seconda edizione del Forum durante il quale ci occuperemo, da un lato di conservazione e tutela delle foreste, dall’altro cercheremo di promuovere una discussione sullo stato e le prospettive del settore per far crescere la sostenibilità dei prodotti e delle filiere forestali.

Il Forum sarà l’occasione per affronteremo le questioni legate alla conservazione delle foreste anche alla luce del lavoro in corso per definire i decreti attuativi del Testo unico sulle filiere forestali (art. 6, comma 1 del Dlgs 34/2018). Sarà l’occasione, inoltre, per confrontarci sul ruolo che le foreste possono svolgere per mitigare gli effetti del riscaldamento globale, sulle modalità di ricostruire i boschi nel caso di disastri naturali, come per la tempesta VAIA, su come combattere patologie o incendi boschivi, e sulle capacità delle foreste urbane di rigenerare e rendere complessivamente più sostenibili le nostre città.

Per raggiungere questi obiettivi continuiamo un percorso di condivisione con il mondo della ricerca, le istituzioni e le imprese, per dare voce alle esperienze e alle buone pratiche di gestione forestale sostenibile e responsabile, alle mobilitazioni e all’impegno culturale a favore della crescita del patrimonio arboreo, oltre a porre attenzione alla ricerca e all’innovazione di filiera capace di generare nuovi prodotti di origine forestale in grado di sostituire la plastica negli usi quotidiani. Certamente non dimentichiamo che in questo settore è sempre più necessario che le attività siano improntate alla responsabile sociale d’impresa e al contrasto dei processi di illegalità, che è necessario creare nuove opportunità per i territori montani e le aziende del settore agro-forestale del nostro Paese che, dopo la tempesta VAIA dello scorso anno, sono chiamati a una riflessione puntuale e accurata sul loro futuro.

Il settore forestale italiano deve imboccare la strada della gestione forestale sostenibile e responsabile senza perdere ulteriore tempo e lo deve fare subito.

 

LA BIOECONOMIA DELLE FORESTE: CONSERVARE, RICOSTRUIRE. RIGENERARE

30-31 ottobre 2019, Roma – We Gil, L.go Ascianghi 5

 

Il programma di mercoledì 30 Ottobre

Ore 9.30 – 10.00 – Registrazione dei partecipanti

Ore 10.00 – 10.30 – Introduzione

Roberto Scacchi, Presidente Legambiente Lazio
Serena Carpentieri, Vicedirettrice nazionale Legambiente
Antonio Nicoletti, Responsabile nazionale aree protette e biodiversità, Legambiente

 

10.30 – 12.00 A un anno dalla tempesta Vaia: gli effetti del cambiamento climatico e i rischi naturali per le foreste

Coordina Enrico Fontana, Responsabile economia civile Legambiente

Introduce Lorenzo Ciccarese, Responsabile conservazione habitat e specie terrestri, agricoltura e foreste – Ispra

Intervengono

Michele Munafò, Responsabile area monitoraggio uso del suolo e del territorio – Ispra
Rinaldo Comino, Servizio foreste e Corpo forestale Regione Friuli Venezia Giulia

Saverio Maluccio, Centro Politiche e Bioeconomia, CREA
Luigi Torregiani, Compagnia delle Foreste

Conclude

Tullio Berlenghi, Capo Segreteria Tecnica, Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

 

12.00 – 13.30 Sessioni Parallele

 

Sessione I “Conservare la biodiversità e valorizzare i servizi ecosistemici delle Foreste”

Coordina Renzo Motta, Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari, Università di Torino

 

Partecipano

Luciano Di Martino, Direttore f.f. Parco Nazionale della Majella
Ilaria Dalla Vecchia, FSC
Carmela Strizzi, Direttore f.f. Parco Nazionale del Gargano
Giuseppe Melfi, Direttore Parco Nazionale del Pollino
Luca Lo Bianco, Direttore Scientifico Fondazione Montagne
Carmelo Gentile, Ufficio Conservazione e attività agrosilvopastorali, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

 

Sessione II “Valorizzare le produzioni e rafforzare le filiere locali”

Coordina Raoul Romano, Centro Politiche e Bioeconomia, CREA

 

Partecipano

Marino Berton, Direttore Generale, Associazione Italiana Energie Agroforestali (AIEL)
Luigi Iavarone, Vicepresidente AFI, Associazione Forestale Italiana
Gabriele Locatelli, Slow Food Italia
Massimo Ramunni, Federazione Carta Grafica – Vice Direttore Assocarta
Antonio Brunori, Segretario generale PEFC

13.30 – 14.30 Presentazione progetto “LegnoClima” a cura di FederlegnoArredo ed ENEL

 

13.30 – 14.30 Light Lunch

 

14.30 – 17.00 Gli strumenti e le strategie per le foreste d’Italia

Introduce e coordina Paolo Mori, Amministratore Unico Compagnia delle Foreste

 

Relazioni delle sessioni parallele I e II a cura di Raul Romano e Renzo Motta

 

Intervengono

Marco Bussone, Presidente nazionale UNCEM
Pasquale Pazienza, Presidente Parco Nazionale del Gargano
Enrico Calvo, Direttore ERSAF – Servizi per il territorio, la montagna e le filiere
Sebastiano Cerullo, Direttore Generale FederlegnoArredo
Sabrina Diamanti, Presidente nazionale CONAF
Marino De Santa, Presidente Legnolandia

 

Conclusioni

Fabio Renzi, Segretario generale Symbola

Alessandra Stefani, D. G. Foreste Ministero delle politiche Agricole, Alimentari Forestali

***

Programma del 31 Ottobre 2019

 

Ore 9.30 – 10.00 Registrazione dei partecipanti

 

10.00 – 13.00 Le foreste urbane per rigenerare le città

Coordina Francesco Loiacono, Direttore de La Nuova Ecologia

 

Introduce Marco Marchetti, Università del Molise, Presidente SISEF

 

Intervengono

Rappresentante Anci
Francesco Ferrante, Presidente Comitato Parchi per Kyoto
Massimiliano Atelli, Presidente Comitato per lo sviluppo del verde pubblico
Maurizio Gubbiotti, Presidente Roma Natura
Massimo Medugno Federazione Carta Grafica, Direttore Assocarta
Sandro Scollato, Amministratore Delegato Azzero CO2

Concludono

Stefano Ciafani, Presidente nazionale Legambiente

Roberto Morassut, Sottosegretario, Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

Per informazioni: 06.86268364 – parchi@legambiente.it

Per partecipare iscriversi a questo link

 

Antonio Nicolettihttps://www.lanuovaecologia.it
Responsabile nazionale Aree protette e biodiversità di Legambiente

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto