venerdì 22 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Biodiversità marina a rischio, interrogazione parlamentare per tutelare il Canale Otranto

È stata presentata alla Camera dal gruppo misto Facciamo ECO. Si sollecita il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Stefano Patuanelli ad attivarsi per l’istituzione di una Zona di restrizione alla Pesca

È stata presentata alla Camera dall’onorevole Rossella Muroni e dall’onorevole Antonio Lombardo, del gruppo misto Facciamo ECO, l’interrogazione parlamentare che sollecita il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Stefano Patuanelli, ad attivarsi per l’istituzione di una Zona di Restrizione alla Pesca (Fisheries Restricted Area, FRA) nel Canale di Otranto.

Nonostante le risorse marine dell’Adriatico siano in drammatico e costante declino a causa dell’eccessivo impatto della pesca, questa zona ospita ancora importanti aree di riproduzione ed accrescimento di specie commerciali come il gambero rosa, il nasello, lo scampo, il gambero rosso, il gattuccio boccanera e una varietà di habitat sensibili, come i coralli bianchi e gli ormai rari giardini di corallo bambù, considerati tra i più importanti di tutto il Mediterraneo centrale.

“Secondo uno studio del 2018, richiamato in un articolo de “La Nuova Ecologia”, l’Italia si piazza al quarto posto tra le flotte pescherecce che esercitano lo sforzo di pesca maggiore, proprio nell’Adriatico, il bacino più sfruttato al mondo – ha dichiarato Federica Barbera, dell’Ufficio aree protette e biodiversità di Legambiente -. Dobbiamo, quindi, invertite la rotta e fermare il sovra sfruttamento realizzando aree protette che tutelino non solo la l’ecosistema marino ma anche il futuro a lungo termine della pesca professionale, allineandoci così alle strategie nazionali e internazionali per fermare la perdita di biodiversità entro il 2030”.

Proprio per contrastare l’impoverimento dell’Adriatico, la Commissione Generale per la Pesca del Mediterraneo (CGPM) ha istituito nel 2017, una Zona di Restrizione alla Pesca (Fisheries Restricted Area, FRA) nella Fossa di Pomo nel Mar Adriatico. Da allora si è registrata una ripresa sorprendente della biomassa di scampi e naselli, e il ritorno di specie vulnerabili come gli squali, al punto che la FRA della Fossa di Pomo è diventata un caso di buona pratica a livello internazionale, portato ad esempio dall’One Planet Summit organizzato dal presidente Macron, lo scorso gennaio.

L’efficacia di questa misura suggerirebbe quindi di replicarla anche in altre zone vulnerabili come nel Canale di Otranto. Nel 2018 a seguito della concertazione con le marinerie locali, fu presentata una proposta per istituire in questa zona la seconda FRA dell’Adriatico, sulla quale il Ministero delle Politiche Agricole ha posto il veto, nonostante l’appello rivolto al governo di 125 rappresentanti della comunità scientifica italiana.

Muroni e Lombardo nella loro interrogazione parlamentare hanno dunque chiesto al ministro «se è a conoscenza delle cause che stanno impedendo l’istituzione della FRA di Otranto e se non intenda intervenire urgentemente, rimuovendo tali impedimenti, in modo che l’Italia entro il 2021 possa rispettare gli impegni assunti nell’ambito della CGPM e contribuire così al risanamento delle risorse in Adriatico».

“Ci auguriamo che il ministro Patuanelli possa ascoltare l’appello di tanti scienziati rimuovendo il veto dell’Italia e sostenendo attivamente l’istituzione della FRA del Canale di Otranto, per promuovere il recupero di risorse sovrasfruttate, la tutela di specie sensibili e il futuro della pesca”, ha dichiarato Domitilla Senni di MedReAct.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Cop26, fuga di documenti rivela che alcuni Stati cercano di alterare il rapporto Ipcc

Sotto accusa Giappone, Australia e Arabia Saudita, ma anche Brasile e Argentina. Secondo quanto scoperto da Greenpeace Uk, pubblicato dalla Bbc, alcuni Paesi stanno tentando di migliorare il Rapporto Ipcc per negare la necessità di interventi drastici contro il cambiamento climatico

Mobilità, l’88% degli italiani usa mezzi privati, cala il trasporto pubblico, riprende la sharing mobility

Il primo sondaggio di Ipsos per l'Osservatorio sugli stili di mobilità in Italiai. Le proposte di Legambiente al Ministro Giovannini: "città 15 minuti, trasporto pubblico elettrico, abbonamenti integrati a Tpl e sharing mobility"

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili

#EveryTrickCounts, il calcio in campo contro i cambiamenti climatici

Al via la campagna di Uefa e Commissione europea per sensibilizzare sull'importanza di piccoli gesti quotidiani per salvare il nostro pianeta dalla crisi climatica. Testimonial dello spot Luis Figo, Delphine ed Estelle Cascarino e Gianluigi Buffon / GIOCHI SENZA IMPATTO

Riciclo, in Italia raccolte 7 milioni di tonnellate di carta nel 2020

Di queste, 5 milioni sono state utilizzate nel mercato interno e le rimanenti 2 esportate. I dati del rapporto 2021 di Unirima, l’Unione nazionale imprese recupero e riciclo maceri
Ridimensiona font
Contrasto