sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Biodiversità, l’attuale sistema alimentare è un fattore chiave per la perdita di specie

Lo rivela un rapporto di Unep, Ciwf e Chatam House. Serve diminuire il consumo di carne, aumentare la superficie di terra protetta e coltivare in modo sostenibile

Il modo in cui il cibo viene coltivato in tutto il mondo minaccia 24.000 delle 28.000 specie che sono a rischio di estinzione. A rivelarlo è un rapporto dell’Unep, del CIWF (Compassion in World Farming) e della Chatam House di Londra sull’impatto globale dei sistemi alimentari, che sono coinvolti in quattro diversi aspetti critici per la sopravvivenza: l’emergenza climatica, la sesta estinzione di massa in atto, l’obesità e la fame nel mondo.

L’agricoltura di fatto modella la biodiversità, e con più di un terzo della terra del mondo utilizzata per l’agricoltura, gli esperti devono trovare il modo migliore per nutrire una popolazione in costante crescita con un cibo sano, uccidendo al contempo meno fauna selvatica ed emettendo meno gas serra. Entro il 2050, quando secondo le stime la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi, la competizione per la terra sarà ancora più forte.

Un difficile equilibrio

Per decenni, gli attivisti ambientali hanno sostenuto l’agricoltura biologica, che evita fertilizzanti sintetici e pesticidi. Secondo il rapporto è un’alternativa valida, ma non sufficiente. I campi coltivati con sistemi “bio” infatti  producono meno cibo per ettaro rispetto all’agricoltura industriale, finendo così per utilizzare più terra per produrre la la stessa quantità di cibo. Con un carico di emissioni maggiore.

D’altro canto però, l’agricoltura industriale sta distruggendo le foreste in diverse parti del mondo, mettendo in pericolo molte specie, tra cui gli oranghi in Indonesia o i cebi in Brasile; i pesticidi minacciano le api e degradano i suoli; la deforestazione fa aumentare i livelli di CO2 in atmosfera. Senza contare i problemi legati agli allevamenti intensivi. L’espansione dei terreni agricoli aumenta il rischio di malattie zoonotiche che si trasmettono dagli animali agli esseri umani e molte fattorie industriali abusano di antibiotici sui capi di bestiame, elemento che incoraggia la crescita di batteri resistenti.

Le soluzioni

Per rendere il sistema alimentare meno impattante su biodiversità, salute e clima, gli esperti propongono di lavorare su 3 aspetti principali, da portare avanti parallelamente. Coltivare in maniera più sostenibile, diminuire il consumo di carne e aumentare la superficie di terra protetta. Un passaggio a diete sane e sostenibili comporterebbe una diminuzione nella produzione di carne rossa e la riduzione di consumo di zucchero a livello globale. Aumenterebbe invece quello di frutta, verdura e legumi. Si eviterebbero più di 7 milioni di morti premature all’anno e si ridurrebbe in maniera consistente la pressione sulla natura.

Per approfondire:
Leggi il rapporto Food system impacts on biodiversity loss (pdf) 
Leggi anche:
Deforestazione, in 13 anni cancellata un’area grande come la California
Brasile, la deforestazione minaccia la cultura dei cebi barbuti
L’olio di palma sta portando l’orango all’estinzione

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto