martedì 18 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Biodiversità ed educazione ambientale nelle scuole con Life Floranet

La fotografia di un'Adonis Distorta

Educazione ambientale e salvaguardia della biodiversità nelle scuole dell’Appennino abruzzese al centro del Progetto Floranet. Studenti e insegnanti coinvolti in lezioni didattiche e pratiche con gli obiettivi di valorizzare la grande varietà del patrimonio floristico dell’Appenino centrale e soprattutto di tutelarne la biodiversità. Un patrimonio che il progetto Life Floranet mira a mettere in sicurezza ed al riparo dal rischio estinzione.

Sono sette le specie vegetali ritenute di interesse comunitario a cui si dedica il progetto europeo Floranet: Cypripedium calceolus, Adonis distorta, Androsace mathildae, Iris marsica, Astragalus aquilanus, Klasea lycopifolia, Jacobaea vulgaris subsp. gotlandica. Il progetto Life Floranet, cofinanziato dall’Unione Europea, vede tra i partner Legambiente insieme al Parco Nazionale della Majella, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Parco Regionale Sirente-Velino e l’Università di Camerino.

Nell’ambito del progetto europeo ampio spazio viene destinato alle attività formative nelle scuole ricadenti nel comprensorio dei tre parchi nazionali, attività inserite in un percorso partecipato dove i protagonisti sono cittadini, studenti, e stakeholders sul territorio.

Grazie alle attività organizzate da Floranet entrano in contatto diretto con le peculiarità del patrimonio floristico dell’Appennino centrale e soprattutto apprendono le buone pratiche necessarie per la sua salvaguardia. Il progetto Floranet ha già coinvolto diversi plessi scolastici tra le province di L’Aquila, Pescara e Chieti.

Il bilancio delle attività di progetto, ad oggi, vede decine di studenti coinvolti e oltre 400 piante per un totale di 14 giardini botanici realizzati nei cortili e nei piazzali dei diversi istituti scolastici (Sfoglia la gallery).

Dal lancio di Floranet si sono tenuti diversi incontri tra studenti e insegnanti con i tecnici dei parchi nazionali insieme agli esperti di Legambiente. Lezioni all’aperto nelle scuole primarie e secondarie durante le quali si è passati da lezioni didattiche alla pratica. Gli alunni, con attrezzi e guanti alla mano, sotto la super visione dei tecnici hanno provveduto alla realizzazione delle aiuole didattiche con la piantumazione di semi di fiori e piante di diverse specie. Entusiasmo tra i più piccoli nelle varie fasi di realizzazione delle aiuole Floranet: dalla preparazione del terreno alla sistemazione di semi e cartelli informativi con nomi e origini delle piante. Attività che verranno replicate dall’inizio del prossimo anno scolastico in diversi istituti coinvolgendo altrettanti studenti.

Articoli correlati

LOTTA ALL’AGROPIRATERIA E SICUREZZA ALIMENTARE

Il webinar su una riforma necessaria

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Leonardo DiCaprio ha promesso 43 milioni di dollari per il ripristino delle Galapagos

L'iniziativa è in collaborazione con l'organizzazione Re:Wild. L'obiettivo è la reintroduzione di 13 specie estinte nelle isole. Ma non solo

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Clean beach tour, Piero Pelù e Legambiente in Toscana per liberare le spiagge dai rifiuti

Tappa a sorpresa a Marina di Alberese. Un centinaio di persone hanno partecipato alla pulizia nel Parco della Maremma, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid

Treni a idrogeno, perché non sono né pronti né verdi

Anche quando, dopo il 2040, l’idrogeno sarà prodotto solo da elettricità rinnovabile, occorreranno comunque il doppio di bacini idrici, di condotte idrauliche e pannelli solari per azionare gli elettrolizzatori e mettere in moto i locomotori

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  
Ridimensiona font
Contrasto