martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Biodiesel Eni: prosegue istruttoria Autorità garante

L'immagine di una stazione di servizio di Eni

Sulle pagine de “Il fatto quotidiano” oggi si riprende la vicenda della pubbliciità dell’Eni, durata la bellezza di 3 anni e ancora in corso in alcune stazioni di rifornimento e sul web. E’ la pubblicità secondo la quale il gasolio “ENIdiesel+” permetteva a tutti di “ridurre le emissioni gassose fino al 40%”. Se ricordate la segnalazione nasce proprio da un post sulle nostre pagine nel gennaio scorso, che aveva poi dato origine all’apertura dell’istruttoria da parte dell’Autorità, riportata dalla stampa. La novità riportata oggi dall’articolo a firma Stefano Feltre (vicedirettore) riporta la conclusione dell’istruttoria dell’Autorità che conferma ed aggrava la posizione di Eni persino rispetto a quanto avevano scoperto nell’inchiesta su questa pagine della nostra rivista. L’Eni, almeno sino ad ora, non è riuscita a dimostrare una riduzione “fino al 40%” dell’inquinamento: la società petrolifera ha chiesto già 4 proroghe per condurre ulteriori test e prove e rinviato il giudizio finale sino al 22 dicembre prossimo. Ma nel frattempo è ormai appurato (niente meno che dagli Atti della Commissione Europea) che l’aggiunta di olio di palma, seppure certificati, peggiora le emissioni di CO2: almeno tre volte rispetto al gasolio fossile. Alla fine dell’operato dell’Autorità l’Eni, oltre a doveer ritirare la pubblicità, rischia una ammenda (il massimo è 5 milioni). Decisamente poco rispetto a quanto speende in pubblicità il nostro gigante petrolifero. Anche la semplice “condanna” sarebbe comunque una vittoria di principio formidabile: la prima volta nella storia giudiziaria italiana si condannerebbe il “greenwatching”, il finto verde.
E infine, un motivo di più, visto che la componente “finto bio” del biodiesel è comunque alla fine pagata dal consumatore (più o meno l’1% di ogni pieno di benzina e diesel), per togliere il sussidio ambientalmente dannoso all’olio di palma nei carburanti. E a questo proposito, firmate tutti www.change.org/unpienodipalle

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Buco dell’ozono, ora supera le dimensioni dell’Antartide

I dati di Copernicus: "Nel 2021 il buco dell'ozono è cresciuto considerevolmente ed è ora più grande del 75% se comparato alla stessa fase della stagione del 1979"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico

Youth climate meeting, il diario della terza edizione

Giustizia sociale, comunicazione digitale, mobilità sostenibile e lotta alle fonti fossili. Riuniti oltre 250 volontari di Legambiente
Ridimensiona font
Contrasto