mercoledì 20 Gennaio 2021

Biocarburanti, la campagna #notinmytank chiede alla Commissione Ue stop a olio di palma

immagine di un orango con una "pistola" puntata contro

Tra qualche giorno la Commissione Europea depositerà al Parlamento europeo l’Atto delegato sui biocarburanti e si saprà finalmente se l’olio di palma sarà ancora, con qualche sotterfugio, miscelabile con il diesel alle pompe di carburante.

“Speriamo in uno stop definitivo all’uso di biocarburanti che di sostenibile hanno ben poco per salvare, così, le foreste e la biodiversità in pericolo – ha dichiarato Giorgio Zampetti, direttore di Legambiente, che insieme ad una dozzina di altre associazioni europee vigilano sul provvedimento – Chiediamo alla Commissione Europea un atto di coraggio e di responsabilità su un tema così importante e che i governi e le industrie si orientino al più presto verso una mobilità sempre più efficiente, sostenibile, elettrica, pubblica e condivisa. Speriamo che i biocarburanti veri come gli olii vegetali usati, l’etanolo da scarti lignocellulosici e il biometano da rifiuti, sostituiscano i carburanti fossili nelle poche categorie di mezzi a motore in cui l’elettrico non sarà competitivo come nei trasporti a lunga distanza”.

Da un lato più di 65.000 europei hanno preso parte alla consultazione pubblica invitando la Commissione a chiudere la porta all’olio di palma e alla soia nel diesel, dall’altra le compagnie “petrolifere” della palma. Da una parte la coalizione internazionale delle ong #notinmytank che promette una campagna per il veto se la società civile viene ignorata, dall’altra la minaccia di guerra commerciate annunciata da Indonesia e Malesia. Non è facile scegliere per la Commissione.

La tanto attesa Legge sull’uso delle colture alimentari che causa la deforestazione e i cambiamenti nell’uso del suolo nei biocarburanti, come l’olio di palma e la soia, è prevista per la pubblicazione entro la fine della settimana. Per quel che ne sappiamo, una spaccatura si è aperta all’interno della stessa Commissione, con alcuni commissari schierati con l’opinione pubblica e altri più attenti a salvaguardare gli scambi commerciali e delle relazioni diplomatiche.

Tra dicembre e gennaio ben 650.000 persone firmano una petizione popolare. Poi, durante la consultazione pubblica di quattro settimane (dall’8 febbraio all’8 marzo) oltre 65.000 cittadini comunitari hanno firmato la richiesta di eliminazione degli olii alimentari dai biocarburanti (olio di palma e di soia), superando i complicati meccanismi di registrazione on line del sito della Commissione e, tutti, hanno lanciato in messaggio ancora più chiaro: “Modificare la proposta oppure chiederemo ai parlamentari di respingerlo!”. Una soluzione pessima, che lascia agli stati nazionali il potere di impedire o meno la miscelazione nel biodiesel di olii vegetali dannosi per l’ambiente: il parlamento francese ha già votato per il no.

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

La Balena spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La Balena spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento