lunedì 21 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

I nuovi ordini esecutivi di Biden per fermare le trivelle e incentivare i veicoli elettrici

Il neo presidente ha sospeso la concessione di nuovi contratti di locazione di terreni o acque off-shore per l’estrazione di petrolio e gas. E alle agenzie federali è stato chiesto di acquistare veicoli elettrici a emissioni zero prodotti negli Stati Uniti

Nella lotta ai cambiamenti climatici gli Stati Uniti intendono fare sul serio. Lo ha ribadito ieri, mercoledì 27 gennaio, il neo presidente degli Usa Joe Biden durante una cerimonia tenutasi alla Casa Bianca per la firma di una serie di ordini esecutivi finalizzati a rimettere il Paese al centro delle sfide climatiche, ambientali ed energetiche che attendono il pianeta nei prossimi decenni.

I nuovi ordini esecutivi firmati da Biden per la lotta ai cambiamenti climatici

Gli ordini esecutivi firmati da Biden sono stati tre. Il primo di questi prevede la sospensione della concessione di nuovi contratti di locazione di terreni federali o di acque off-shore per l’estrazione di petrolio e gas. Il secondo riguarda le agenzie federali a cui viene chiesto di acquistare o procurarsi veicoli elettrici a emissioni zero prodotti negli Stati Uniti, per salvaguardare l’ambiente e incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore. Il terzo, infine, istituisce un ufficio che si occuperá di politica climatica interna guidato da John Kerry e Gina McCarthy. Nell’occasione Biden ha inoltre confermato l’impegno della sua Amministrazione di convocare un vertice internazionale sul clima nella Giornata della Terra che si celebrerà il prossimo 22 aprile.

Biden ha promesso il raddoppio dell’energia eolica prodotta in mare entro il 2030, l’introduzione di regole più stringenti per ridurre le fonti di inquinamento atmosferico, lo stop a nuove trivellazioni per estrarre gas e petroli e ai sussidi per l’industria petrolifera


Dopo la firma di due importanti ordini esecutivi nel giorno del suo insediamento, che hanno riportato gli Usa negli Accordi di Parigi sul clima – da cui erano stati sfilati dal suo predecessore Donald Trump – e che frenano la costruzione dell’oleodotto Keystone, Biden intende dunque andare avanti. Sempre ieri il presidente ha infatti promesso il raddoppio dell’energia eolica prodotta in mare dagli Usa entro il 2030, l’introduzione di regole più stringenti per ridurre le fonti di inquinamento atmosferico – con zero emissioni dalla produzione elettrica entro il 2035 e la ‘net zero economy’ entro il 2050 per liberare il processo produttivo dalla dipendenza dai combustibili fossili -, lo stop a nuove trivellazioni per estrarre gas e petroli e ai sussidi per l’industria petrolifera.

La reazione delle lobby del petrolio

Promesse che non saranno facili da mantenere. Per mantenerle in toto o almeno in parte, Biden dovrà infatti trovare un compromesso con le lobby petrolifere che dopo i suoi annunci di ieri non hanno tardato a reagire. “Faremo di tutto per combattere questa linea”, ha minacciato Mike Sommers, il numero uno dell’Api (American Petroleum Insitute).

Che il nuovo presidente degli Usa abbia indubbimnte cambiato passo rispetto a Trump sui temi ambientali è sotto gli occhi di tutti. Adesso però viene il difficile. Per instradare verso la transizione energetica un Paese che per consumi, investimenti e affari in ogni angolo del pianeta continua a essere profondamente legato alle fonti fossili, serviranno decisioni forti e azioni concrete.

Per approfondire:
Biden alla Casa Bianca: clima ed energia pulita tra le prime sfide
Intervista ad Alec Ross, uno dei massimi esperti americani di politiche per l’innovazione, con posizioni di primo piano nell’Amministrazione Obama

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Traffico illecito di rifiuti: 29 arresti in Calabria

Custodia cautelare in carcere per quindici degli indagati, domiciliari per gli altri. L'operazione diretta e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

La siccità rischia di essere “la prossima pandemia”

Ad affermarlo è l'Onu in un nuovo report. Almeno 1,5 miliardi di persone sono state direttamente colpite in questo secolo con un costo stimato di 124 miliardi di dollari

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Capraia, conclusa la bonifica dell’amianto

La prima fu promossa nel 2012 e sanò oltre 12 tonnellate di manufatti . Questa volta sono più di 13 quelle rimosse

“Tra le pagine del mare”, il concorso letterario che racconta le località costiere italiane

L'iniziativa è organizzata dall’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente, in collaborazione con Primiceri Editore. Saranno selezionati brevi racconti inediti, ambientati nei centri del nostro Paese affacciati sul mare

Dal 18 al 27 giugno il Decrescita Felice Bike Tour 2021

La manifestazione è alla sua sesta edizione. Un percorso di 300 km a tappe per amanti delle due ruote organizzato da Movimento per la Decrescita Felice e Altri Mondi Bike Tour

Roma, il Festival circolare alla Città dell’altra economia

Dal 16 al 18 giugno in mostra i protagonisti e le esperienze del progetto di educazione alla cittadinanza globale “Metti in circolo il cambiamento”. Spazio alle tredici idee vincitrici e alle esperienze di imprenditoria circolare

Sos tartarughe marine

Legambiente lancia un numero unico per raccogliere le segnalazioni di tracce o di piccoli di tartaruga sui litorali italiani. Un invito a mobilitarsi in modo semplice, inviando un messaggio whatsApp o un sms al 349 2100989
Ridimensiona font
Contrasto