sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

I nuovi ordini esecutivi di Biden per fermare le trivelle e incentivare i veicoli elettrici

Il neo presidente ha sospeso la concessione di nuovi contratti di locazione di terreni o acque off-shore per l’estrazione di petrolio e gas. E alle agenzie federali è stato chiesto di acquistare veicoli elettrici a emissioni zero prodotti negli Stati Uniti

Nella lotta ai cambiamenti climatici gli Stati Uniti intendono fare sul serio. Lo ha ribadito ieri, mercoledì 27 gennaio, il neo presidente degli Usa Joe Biden durante una cerimonia tenutasi alla Casa Bianca per la firma di una serie di ordini esecutivi finalizzati a rimettere il Paese al centro delle sfide climatiche, ambientali ed energetiche che attendono il pianeta nei prossimi decenni.

I nuovi ordini esecutivi firmati da Biden per la lotta ai cambiamenti climatici

Gli ordini esecutivi firmati da Biden sono stati tre. Il primo di questi prevede la sospensione della concessione di nuovi contratti di locazione di terreni federali o di acque off-shore per l’estrazione di petrolio e gas. Il secondo riguarda le agenzie federali a cui viene chiesto di acquistare o procurarsi veicoli elettrici a emissioni zero prodotti negli Stati Uniti, per salvaguardare l’ambiente e incentivare la creazione di nuovi posti di lavoro nel settore. Il terzo, infine, istituisce un ufficio che si occuperá di politica climatica interna guidato da John Kerry e Gina McCarthy. Nell’occasione Biden ha inoltre confermato l’impegno della sua Amministrazione di convocare un vertice internazionale sul clima nella Giornata della Terra che si celebrerà il prossimo 22 aprile.

Biden ha promesso il raddoppio dell’energia eolica prodotta in mare entro il 2030, l’introduzione di regole più stringenti per ridurre le fonti di inquinamento atmosferico, lo stop a nuove trivellazioni per estrarre gas e petroli e ai sussidi per l’industria petrolifera

Dopo la firma di due importanti ordini esecutivi nel giorno del suo insediamento, che hanno riportato gli Usa negli Accordi di Parigi sul clima – da cui erano stati sfilati dal suo predecessore Donald Trump – e che frenano la costruzione dell’oleodotto Keystone, Biden intende dunque andare avanti. Sempre ieri il presidente ha infatti promesso il raddoppio dell’energia eolica prodotta in mare dagli Usa entro il 2030, l’introduzione di regole più stringenti per ridurre le fonti di inquinamento atmosferico – con zero emissioni dalla produzione elettrica entro il 2035 e la ‘net zero economy’ entro il 2050 per liberare il processo produttivo dalla dipendenza dai combustibili fossili -, lo stop a nuove trivellazioni per estrarre gas e petroli e ai sussidi per l’industria petrolifera.

La reazione delle lobby del petrolio

Promesse che non saranno facili da mantenere. Per mantenerle in toto o almeno in parte, Biden dovrà infatti trovare un compromesso con le lobby petrolifere che dopo i suoi annunci di ieri non hanno tardato a reagire. “Faremo di tutto per combattere questa linea”, ha minacciato Mike Sommers, il numero uno dell’Api (American Petroleum Insitute).

Che il nuovo presidente degli Usa abbia indubbimnte cambiato passo rispetto a Trump sui temi ambientali è sotto gli occhi di tutti. Adesso però viene il difficile. Per instradare verso la transizione energetica un Paese che per consumi, investimenti e affari in ogni angolo del pianeta continua a essere profondamente legato alle fonti fossili, serviranno decisioni forti e azioni concrete.

Per approfondire:
Biden alla Casa Bianca: clima ed energia pulita tra le prime sfide
Intervista ad Alec Ross, uno dei massimi esperti americani di politiche per l’innovazione, con posizioni di primo piano nell’Amministrazione Obama

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto