Beni culturali: ok Camera ddl reati contro il patrimonio culturale

Passa con 378 voti a favore e 75 no. Fratelli d’Italia si astiene. Legambiente: “Ora il Senato calendarizzi al più presto la discussione della proposta di legge che consentirà di fermare i ladri di bellezza”

Senato_4

La Camera ha approvato la proposta di legge su disposizioni in materia di reati contro il patrimonio culturale con 378 voti favorevoli e 75 contrari. Hanno espresso voto favorevole M5S, Lega, Pd, LeU, Maie-Gruppo Misto. Contraria Forza Italia, Fdi si é astenuta. Il testo passerà ora al Senato. “L’approvazione arrivata oggi, a larghissima maggioranza, dalla Camera al testo che introduce i reati contro il patrimonio storico culturale, è una bella notizia per il Paese. Dopo la legge sugli ecoreati, è fondamentale che vengano tutelati attraverso il codice penale anche i beni culturali e i reperti archeologici garantendo un adeguato inasprimento delle pene per chi trafuga e traffica illegalmente i gioielli del Belpaese e prevedendo specifiche aggravanti. Ora il Senato calendarizzi al più presto la discussione del testo su cui c’è già un’amplissima maggioranza trasversale. Una norma che se approvata consentirà di fermare i ladri della bellezza italiana”, così Stefano Ciafani Presidente nazionale di Legambiente commenta l’approvazione del testo. Legambiente ricorda che stando agli ultimi dati di Ecomafia che nel 2017 sono stati 719 i furti d’opere d’arte, in crescita del 26% rispetto al 2016, che hanno comportato 1.136 denunce, 11 arresti e 851 sequestri effettuati in attività di tutela. Il 38% dei furti si è concentrato nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa, cioè 273, di cui 148 nella sola Campania. Come gli anni passati Lazio e Toscana, rispettivamente con 96 e 85 furti, mantengono il podio nella speciale classifica di ruberie, seguite dalla Sicilia (70) e dalla Lombardia (58). La stima economica sul fatturato incassato dai furti d’arte oscillerebbe sui 336 milioni di euro.

 

Aggiornato il 18 ottobre alle 14:50
Pubblicato il 18 ottobre 2018 alle 14:42