venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Basta rinvii sulle fonti fossili

I sussidi alle fonti fossili continuano a crescere nonostante le principali economie del pianeta, a partire dall’Europa, sin dal 2009 nel G20 di Pittsburg si siano impegnate a eliminarli. Nel 2015, secondo l’ultima stima del Fondo monetario internazionale (Fmi), raggiungeranno l’astronomica cifra di 5.300 miliardi di dollari, ossia il 6.5% del Pil globale, con un aumento del 10,4% rispetto al 2013.

L’aumento previsto per l’Europa è superiore alla media globale, l’11,6% con ben 231 miliardi di dollari. Avanti all’Europa la Cina con 2.272 miliardi (+22%), seguita da Stati Uniti con 699 miliardi (+14%) e Russia con 335 miliardi (5.7%). Tra i 28 paesi dell’Ue al primo posto c’è la Germania con 55,6 miliardi (+10,5%), seguita dal Regno Unito con 41,2 miliardi (+12.2%), Francia con 30,1 miliardi (+13.2%), Spagna con 24,1 miliardi (+16.4%), Repubblica Ceca con 17,5 miliardi (+15.9%) e Italia con 13,2 miliardi (+3.1%).

La valutazione considerano i sussidi diretti e quelli indiretti come le esternalità ambientali e sanitarie non incluse nei sistemi fiscali. L’Fmi stima che – grazie all’eliminazione dei sussidi diretti e all’extra-gettito derivante dalla totale inclusione delle esternalità – si renderebbero disponibili 1.800 miliardi di dollari (2,2% del Pil globale), senza aumentare il prezzo dell’energia per famiglie e imprese. Si tratta di considerevoli risorse aggiuntive da investire nella transizione verso un sistema energetico fondato al 100% sulle rinnovabili entro il 2050, che contenga il riscaldamento del pianeta al di sotto della soglia critica dei 2°C. Basta con i rinvii.

Al prossimo G20, che si terrà ad Antalya in Turchia il 15 e 16 novembre, l’Europa deve farsi promotrice di un piano d’azione che recepisca gli impegni assunti nel 2009 a Pittsburg.

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto