martedì 30 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Basta piegarsi all’agroindustria, invertiamo la rotta

primo piano di una giovane contadina

La proposta di nuova Pac dopo il 2020 presentata oggi  non ci soddisfa affatto perché  non favorisce una reale inversione di rotta per le politiche agricole comunitarie e non risponde alle esigenze dei cittadini europei, che chiedono invece con forza prodotti agricoli più sani e un’agricoltura rispettosa degli ecosistemi naturali. Appare invece piegata agli interessi dell’agroindustria, che vuole un’agricoltura fatta di grandi monocolture, a bassa intensità di manodopera ma strettamente dipendente dalla fornitura di sementi industriali, fertilizzanti e macchinari, sussidiata per fornire produzioni a basso costo all’industria della trasformazione e alla grande distribuzione. Occorrerebbe invece  premiare maggiormente in modo strategico le pratiche che garantiscono diminuzione dell’utilizzo di fitofarmaci, abbattimento degli input chimici, idrici ed energetici, favorendo in modo significativo le pratiche agricole sostenibili e l’agricoltura biologica in particolare.

Con la proposta della Commissione, anzichè renderle efficaci, le pratiche verdi obbligatorie del greening, a cui oggi è legato il 30% dei sussidi del primo pilastro, vengono semplicemente eliminate per lasciare la libera scelta agli Stati membri di definire un proprio quadro di sostegno, senza però vincolarvi quote di risorse. Se pensiamo poi al taglio del 26% sul  secondo pilastro, quello dello sviluppo rurale, su cui sono appostati i fondi per le azioni agroambientali e climatiche, capiamo bene che la nuova Pac prefigurata dalla Commissione europea rappresenta un’occasione mancata per agire sulle emissioni inquinanti e climalteranti, di cui l’agricoltura e la zootecnia intensiva condividono una parte delle responsabilità, e per favorire fortemente e significativamente l’agricoltura biologica, le pratiche sostenibili, le aree interne e marginali. Se questa riforma non verrà modificata in modo incisivo dal Parlamento e dall’intervento degli Stati membri, l’agricoltura europea nel prossimo decennio perderà il treno della conversione ecologica e climatica, che invece potrebbe trasformare questo settore economico nel principale alleato nella lotta al cambiamento climatico, grazie anche al proprio ruolo territoriale nella gestione del 47% dell’intero territorio dell’Unione.

Angelo Gentilihttps://www.lanuovaecologia.it
Angelo Gentili è presidente di Festambiente e responsabile Agricoltura di Legambiente

Articoli correlati

LA LOTTA È SPERANZA. PRESENTAZIONE DI NUOVA ECOLOGIA DI DICEMBRE

DALLE 15:00. Introduce e modera Francesco Loiacono, direttore di Nuova Ecologia, intervengono: Mauro Albrizio, ufficio europeo di Legambiente, Tiziana Guerrisi, fondatrice Next New Media, Grazia Forino, attivista e volontaria del progetto Youth4Climate, Antonio Nicoletti, responsabile aree protette e biodiversità di Legambiente, e i giornalisti di Nuova Ecologia Fabio Dessì, Rocco Bellantone, Giulia Assogna. Durante la presentazione Gianlorenzo Ingrami realizza delle vignette in diretta

“La lotta è speranza”, il numero di dicembre de La Nuova Ecologia

La sfida della crisi climatica post Glasgow, le 100 notizie verdi del 2021, l’intervista allo scrittore Paolo Cognetti, l’inchiesta sui Parchi a 30 anni dalla legge quadro che istituì le aree protette in Italia e molto altro. La presentazione oggi alle ore 15.00 sul sito e sui canali social

Inquinamento fiumi in Campania, sequestrati beni per 78 milioni alla società Gesesa

Le indagini hanno rilevato la presenza diffusa di scarichi diretti dalle fogne dei Comuni di Benevento e della provincia nel Calore e nel Sabato

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto