venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Roma, sul Tevere e sull’Aniene le barriere dei rifiuti

Lo sappiamo, ma ripeterlo non guasta: circa l’80% dei rifiuti marini proviene dalla terraferma e raggiunge il mare tramite i corsi d’acqua. Insomma, eliminare il litter (rifiuti galleggianti) dai fiumi è diventata una sfida fondamentale a livello globale per arginare un fenomeno dalle proporzioni impressionanti, anche nel Mediterraneo. Per cercare di tutelare i suoi preziosi habitat e i suoi ecosistemi, le due arterie fluviali di Roma, il Tevere e l’Aniene, sono state dotate di due speciali barriere per fermare i rifiuti prima che sfocino in mare. Sul Tevere la sperimentazione, avviata nell’ottobre 2019 in prossimità della foce nell’ambito delle azioni promosse per i Contratti di fiume, è stata realizzata dalla Regione Lazio con il Comune di Fiumicino e con la Capitaneria di Porto della Capitale. In sei mesi di sperimentazione, la barriera è riuscita a intercettare complessivamente 2.300 kg di rifiuti galleggianti, costituiti soprattutto da oggetti in plastica come giocattoli, caschi, seggiolini auto, cuscini, scarpe, borse, imballaggi in plastica e ben 14.460 bottiglie in pet. L’iniziativa, ispirata al sistema di raccolta già collaudato con successo sulla foce del Po, rientra nel programma “Lazio plastic free” per il raggiungimento degli obiettivi dello sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Alla luce dei risultati conseguiti, la sperimentazione è stata estesa anche al più importante affluente del Tevere e secondo corso d’acqua capitolino, l’Aniene, dove è stata installata una nuova barriera all’interno del Parco fluviale di Roma Natura. Uno stanziamento di oltre 215.000 euro coprirà la manutenzione di entrambe le strutture per un anno intero. I rifiuti plastici, intercettati e catturati dal sistema di reti, vengono rimossi periodicamente tramite specifiche imbarcazioni e inviati agli stabilimenti Corepla (Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) per la differenziazione e lo smaltimento. «Un altro tassello importante per la riqualificazione del nostro mare e dei nostri parchi», sostiene Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio. Per Cristina Avenali, responsabile per l’associazione dei Contratti di fiume, si tratta di «interventi importanti sul territorio per la riqualificazione ambientale dei bacini idrici, che hanno anche il merito di attivare processi virtuosi nell’ottica dell’economia circolare»

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto