giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

È ripartita la tournée della Banda Riciclante

Un'immagine degli attivisti del progetto "La Banda Riciclante"

Dal 21 marzo 2019 è ripartita la tournée della Banda Riciclante, progetto dell’associazione di promozione sociale Teatro dei Mignoli di Bologna, in partnership con ARCI Bologna e Arci Solidarietà, sostenuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che si rivolge agli studenti, alle loro famiglie e agli insegnanti, per educare e informare sui temi dell’eco-sostenibilità ambientale.

Dopo il primo progetto realizzato nell’anno scolastico 2012/13 e che ha visto il coinvolgimento di circa 600 studenti, la nuova tournée farà tappa in dodici regioni italiane – Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto e Molise – e vedrà la partecipazione di oltre 1200 bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni.

Il titolo del nuovo progetto è Lotta al piccolo rifiuto e tema centrale della tournée è il problema dell’abbandono dei rifiuti nelle spiagge, in territori più soggetti a questo tipo di degrado ambientale. Punti cardine delle attività formative proposte sono i temi della raccolta differenziata, del ciclo e riciclo dei prodotti e del risparmio energetico ma anche la riqualificazione delle aree pubbliche e l’utilizzo degli spazi a scopi sociali.

La Banda Riciclante coinvolge gli studenti attraverso laboratori di ecologia urbana, riciclo creativo, musica e teatro, a scuola e con interventi nelle spiagge; in particolare con i rifiuti raccolti verrà realizzata un’installazione artistica. Il percorso formativo, della durata di 3/4 giorni per ogni istituto, si concluderà con la Parata Riciclante, una parata teatrale e musicale nella città come momento di festa e condivisione, in cui i ragazzi si faranno portatori di un messaggio di sensibilizzazione civica e ambientale attraverso il teatro, l’arte, la musica e il gioco. Durante la parata verrà, inoltre, inaugurata l’installazione di arredo urbano costruita con gli studenti.

La prima tappa della Banda Riciclante ha coinvolto la Scuola Secondaria di Primo Grado Statale “O. Bernacchia – M. Brigida” di Termoli (CB) dal 21 al 23 marzo; dal 25 al 27 marzo è stato il turno dell’Istituto Comprensivo “Umberto Fraccacreta” di Palese (BA) e dal 28 al 30 marzo dell’Istituto Comprensivo Statale “Fabrizio De André” di Scanzano Jonico (MT). Dal 2 al 5 aprile la Banda Riciclante ha lavorato con i ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale “Gennaro Barra” di Salerno; dal 9 all’11 aprile sarà con la Scuola Secondaria “Publio Virgilio Marone” di Palermo, dal 15 al 17 aprile presso l’Istituto Comprensivo “Salvo D’Acquisto” di Cerveteri (RM). A inizio maggio, la Banda Riciclante arriverà sulle spiagge di Chioggia (VE) con gli studenti degli Istituti Comprensivi Chioggia 5 e “D. Valeri” di Campolongo Maggiore/Bojon. Dall’8 al 10 maggio, farà tappa a Cecina (LI) e coinvolgerà i ragazzi della Direzione Didattica Statale Primo Circolo “Francesco Domenico Guerrazzi” mentre dal 23 al 25 maggio la Banda Riciclante porterà i suoi laboratori a Genova presso l’Istituto Comprensivo “Teglia” e dal 30 maggio al 1° giugno all’Istituto Comprensivo Falconara Centro di Falconara Marittima (AN). La tournée della Banda Riciclante riprenderà il via in autunno nelle regioni Sardegna e Emilia-Romagna.

I formatori che conducono i laboratori e la parata sono in maggioranza attori del Teatro dei Mignoli; il loro approccio educativo è influenzato dalla loro passione per il teatro inteso come potente strumento di partecipazione e socialità. Agli strumenti classici della pedagogia uniscono quindi le tecniche del teatro.

Il progetto Banda Riciclante dà anche il nome alla banda di supereroi protagonisti dell’omonimo fumetto che viene distribuito nelle scuole che partecipano al progetto per informare in maniera piacevole i giovani studenti sulle tematiche dell’inquinamento e del rispetto dell’ambiente. Del progetto ne è stato fatto anche un documentario dal titolo “Banda Riciclante”, vincitore del Premio Visioni Ambientali 2014 della Cineteca di Bologna (link al trailer https://vimeo.com/128068854).

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto