giovedì 23 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Banche coinvolte nel Dakota Access Pipeline

Greenpeace activists started digging a 20 meter long oil pipeline into the ground and into the ING headquarters in Amsterdam. The organization wants ING to withdraw loans for the controversial Access Dakota Oil Pipeline in the USA. The action is in support of the peaceful resistance of the American Sioux against the construction. Twenty Greenpeace activists dig the massive and heavy pipe pieces under the pavement with spades. The head piece will point into the entrance of the ING building. Greenpeace voert actie met een meterslange 'oliepijpleiding' bij het hoofdkantoor van ING. De milieuorganisatie protesteert daarmee tegen de lening die ING verstrekt aan de omstreden oliepijpleiding Dakota Access in de Verenigde Staten.

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione ieri mattina ad Amsterdam davanti alla sede della banca ING, per chiedere all’istituto di ritirare il suo finanziamento al Dakota Access Pipeline (DAPL), un progetto di oleodotto che attraversa un’area sacra per i nativi indiani Sioux, mettendo a rischio le riserve idriche di una vasta zona del Nord degli Stati Uniti. Venti attivisti hanno installato un tubo di grande portata, lungo venti metri, fin dentro all’ingresso della sede principale del gruppo ING per rappresentare chiaramente l’impatto dell’opera che si vorrebbe realizzare. Il DAPL, bloccato dall’amministrazione Obama anche per l’elevato rischio di contaminazione delle acque potabili, ha ricevuto il definitivo via libera dall’amministrazione Trump nei giorni scorsi. L’oleodotto, lungo 1.900 chilometri, è progettato per portare petrolio dal Dakota fino all’Illinois. Il suo costo si aggira su circa i 4 miliardi di dollari, mentre la sua portata sarebbe di 450 mila barili/giorno. Nel solo 2016 si sono registrati oltre 200 sversamenti dagli oleodotti nel territorio statunitense.

 «Mentre ABN AMRO, che finanzia una delle aziende coinvolte nel progetto, ha dichiarato che ritirerà il suo prestito se il DAPL non avrà l’assenso delle popolazioni che abitano le aree interessate, banche come ING o Intesa Sanpaolo in Italia non hanno ancora espresso una linea chiara né preso impegni vincolanti», dichiara Andrea Boraschi, responsabile campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. Nei giorni scorsi Greenpeace Italia ha scritto una lettera ufficiale ad Intesa Sanpaolo per chiedere se intende continuare a supportare economicamente il DAPL. Il gruppo bancario, in un comunicato ufficiale precedente al via libera definitivo di Trump, aveva dichiarato di “conferma(re) il suo impegno a seguire da vicino e con la massima attenzione i risvolti sociali e ambientali legati al finanziamento del Dakota Access Pipeline – in particolare il rispetto dei diritti umani – in coerenza con i principi espressi nel suo Codice Etico e con gli standard internazionali in campo sociale e ambientale a cui aderisce”; per questo Intesa Sanpaolo si è già “unita a un gruppo di istituzioni finanziarie che ha commissionato a un esperto indipendente specializzato in diritti umani un’analisi delle politiche e delle procedure adottate dai promotori del progetto in materia di sicurezza, diritti umani, coinvolgimento della comunità e patrimonio culturale”.

La protesta dei nativi americani è stata a più riprese contrastata con metodi brutali. È stato documentato l’uso di gas lacrimogeni, di proiettili di gomma, l’impiego di elicotteri e di potenti riflettori per illuminare a giorno gli accampamenti e impedire il sonno. E poi ancora episodi di detenzione di persone in cucce per cani e di maltrattamenti durante gli arresti, anche verso persone anziane, nonché l’uso di idranti che, con temperature ben al di sotto dello zero, hanno letteralmente congelato i manifestanti.

 «Auspichiamo che gli approfondimenti che Intesa Sanpaolo sta svolgendo siano celeri e portino a decisioni chiare e rispettose dei nativi americani, dell’ambiente e del clima. L’amministrazione Trump ha notevolmente accelerato i tempi del progetto, e i finanziatori devono dire adesso da che parte stanno. Non c’è più tempo per tentennamenti e indecisioni. Investire in progetti che violano i diritti umani e danneggiano il clima equivale a stare dalla parte sbagliata della storia», conclude Boraschi.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto