sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Ritrovata a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l’animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Non ce l’ha fatta la balenottera che ieri pomeriggio si era arenata nel porto di Sorrento. Lo comunica l’Area Marina Protetta di Punta Campanella a seguito del sopralluogo effettuato stamattina dai sub della Capitaneria di Porto di Sorrento. Il corpo del mammifero (molto grande, circa 20 metri) è stato individuato a circa 12 metri di profondità esanime. Sul posto anche esperti della Stazione zoologica Anton Dorhn oltre che quelli della Capitaneria e dell’Area Marina Protetta. Presente anche il consigliere CDA del Parco, Antonino Maresca. Si attende l’Asl per organizzare il difficile recupero dell’animale. Informato anche il Cert (Cetacean stranding Emergency Response Team) che rappresenta il coordinamento centrale riconosciuto a livello ministeriale nei casi di interventi su grossi cetacei.

Proprio i ricercatori del Cert fanno sapere con un aggiornamento sui canali Facebook che “L’animale trovato sul fondo è molto più grande rispetto a quello visto ieri sera. E’ possibile si tratti di due esemplari diversi, come suggeriscono anche le ferite sul rostro e lo stato di conservazione”. Lunedì o martedì prossimo verranno effettuate indagini post-mortem per chiarire la vicenda.

Area di importanza per i mammiferi marini

“Il Golfo di Napoli è una zona importante per il passaggio dei grandi cetacei- fa sapere l’Amp Punta Campanella – L’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) qualche anno fa ha ufficialmente riconosciuto la zona come “important marine mammal area” (area di importanza per i mammiferi marini). Un riconoscimento importante che permette di estendere l’attenzione ben oltre la tutela dei soli mammiferi marini, coinvolgendo uno spettro più ampio di specie, biodiversità ed ecosistemi, nell’ambito di una strategia globale di conservazione marina. Proprio in questi mesi l’Amp Punta Campanella è impegnata in un progetto europeo di tutela dei delfini LifeDelfi, insieme al CNR, Legambiente, altre aree marine protette e partner di prestigio”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto