giovedì 13 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Ritrovata a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l’animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Non ce l’ha fatta la balenottera che ieri pomeriggio si era arenata nel porto di Sorrento. Lo comunica l’Area Marina Protetta di Punta Campanella a seguito del sopralluogo effettuato stamattina dai sub della Capitaneria di Porto di Sorrento. Il corpo del mammifero (molto grande, circa 20 metri) è stato individuato a circa 12 metri di profondità esanime. Sul posto anche esperti della Stazione zoologica Anton Dorhn oltre che quelli della Capitaneria e dell’Area Marina Protetta. Presente anche il consigliere CDA del Parco, Antonino Maresca. Si attende l’Asl per organizzare il difficile recupero dell’animale. Informato anche il Cert (Cetacean stranding Emergency Response Team) che rappresenta il coordinamento centrale riconosciuto a livello ministeriale nei casi di interventi su grossi cetacei.

Proprio i ricercatori del Cert fanno sapere con un aggiornamento sui canali Facebook che “L’animale trovato sul fondo è molto più grande rispetto a quello visto ieri sera. E’ possibile si tratti di due esemplari diversi, come suggeriscono anche le ferite sul rostro e lo stato di conservazione”. Lunedì o martedì prossimo verranno effettuate indagini post-mortem per chiarire la vicenda.

Area di importanza per i mammiferi marini

“Il Golfo di Napoli è una zona importante per il passaggio dei grandi cetacei- fa sapere l’Amp Punta Campanella – L’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) qualche anno fa ha ufficialmente riconosciuto la zona come “important marine mammal area” (area di importanza per i mammiferi marini). Un riconoscimento importante che permette di estendere l’attenzione ben oltre la tutela dei soli mammiferi marini, coinvolgendo uno spettro più ampio di specie, biodiversità ed ecosistemi, nell’ambito di una strategia globale di conservazione marina. Proprio in questi mesi l’Amp Punta Campanella è impegnata in un progetto europeo di tutela dei delfini LifeDelfi, insieme al CNR, Legambiente, altre aree marine protette e partner di prestigio”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marini possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Rinnovabili, nel 2020 in Italia crescita del 7%

Lo dicono i dati dell'Irex Annual Report 2021. Nonostante la pandemia prodotti 10,9 gigawatt, pari a 9,1 miliardi di eur. In testa il fotovoltaico. Crescono le biomasse, soprattutto biometano e smart energy

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marini possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia
Ridimensiona font
Contrasto