mercoledì 21 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Balene spiaggiate in Tasmania, almeno 380 i decessi

Almeno 380 balene sono morte spiaggiate sulla costa occidentale della Tasmania. Una tragedia, considerata dai soccorritori come la peggiore mai capitata in Australia. Il 21 settembre circa 270 balene sono rimaste bloccate in tre località a Macquarie Heads. Un altro centinaio è rimasto bloccato circa 7-10 chilometri a sud del sito originale nella mattina di oggi, mercoledì 23 settembre.

Dopo aver testato vari metodi, circa 60 soccorritori hanno individuato una tecnica di successo per rimettere a galla e riposizionare le balene che ancora sono in vita utilizzando imbracature attaccate alle barche. Ma i globicefali sono una specie molto socievole con un forte comportamento di gruppo, il che porta a temere che le balene possano provare a tornare al branco nonostante siano state salvate. Al momento le balene messe in salvo sarebbero circa 50, mentre molte altre restano in pericolo di vita.

“Questo è sicuramente il più grande spiaggiamento di massa in Tasmania e riteniamo che sia il più grande in Australia, in termini di numero di esemplari arenati e morti”, ha detto il biologo del Marine Conservation Program Kris Carlyon. Secondo l’esperto, la causa potrebbe essere legata ad una “semplice disavventura” o all’alimentazione lungo la costa. L’esperto definisce “praticamente impossibile” ragionare “in termini di una preparazione a questi eventi e di un loro arresto in futuro”. “Non c’è nulla che indichi che questo sia dovuto a cause umane, questo è un evento naturale – ha detto Carlyon – Sappiamo che gli spiaggiamenti si sono verificati nel corso della storia prima degli esseri umani. È qualcosa che accade dalla documentazione fossile fino ai giorni nostri”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Iucn, tre parchi italiani nella Green list

Il parco nazionale dell’Arcipelago toscano e quello delle Foreste casentinesi entrano nella  “Green List”. Al parco nazionale del Gran Paradiso viene confermata la presenza per la terza volta dal 2014

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Clima, nel 2020 temperature e eventi estremi in aumento

A dirlo il nuovo rapporto Onu sullo stato globale del clima pubblicato dall’Organizzazione mondiale di meteorologia. Le emissioni di gas serra sono in aumento nonostante i lockdown dovuti al Covid19

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Vegetazione e neve modulano il riscaldamento climatico

Lo studio, coordinato dal Cnr, mostra il rapporto tra il global warming degli ultimi decenni e la variazione di copertura nevosa e vegetale nelle diverse aree dell’emisfero settentrionale. I risultati sono pubblicati su Environmental Research Letters

Caporalato e fitofarmaci illegali: operazione dei Nas a Terracina e Venezia

Sgominata un'associazione a delinquere che sfruttava manodopera extracomunitaria nei campi. Legambiente: "Il controllo delle forze dell’ordine deve unirsi a una sempre più consapevole conoscenza dei rischi legati all’utilizzo della chimica dannosa in agricoltura"

Pranzo a base di uccelli protetti nella Comunità montana della Valtrompia

Ventiquattro dipendenti dell'ente sono stati colti in flagrante dai carabinieri forestali mentre banchettavano con pietanze a base di uccelli protetti e vietati. La denuncia della Lega per l’abolizione della caccia che chiede le dimissioni del presidente Massimo Ottelli

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva
Ridimensiona font
Contrasto