venerdì, Ottobre 23, 2020

Balena morta in Indonesia, nello stomaco aveva 6 kg di plastica

La fotografia di una balena morta in Indonesia

Una balena è stata trovata morta spiaggiata in Indonesia con quasi 6 chili di plastica nello stomaco. Tra i rifiuti rinvenuti ciabatte da mare e 115 tazze. La carcassa dell’animale è stata trovata vicino al parco naturale di Wakatobi, nella provincia sud-orientale di Sulawesi.

Ad allertare le autorità indonesiane è stato un gruppo di ambientalisti, dopo che l’esemplare spiaggiato era stata trovato dagli abitanti di un villaggio vicino che avevano iniziato a macellarlo.

Nello stomaco del capodoglio – riferisce il giornale britannico Guardian – sono stati trovati oltre un migliaio di pezzi di plastica, tra cui quattro bottiglie, 115 tazze, 25 buste, due paia di ciabatte da mare e una sacca di nylon.

L’Indonesia è il secondo Paese al mondo più inquinato di plastica dopo la Cina, con una produzione di 3,2 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica malgestiti all’anno, dei quali 1,29 finiscono nell’oceano. Le autorità di Giacarta stanno cercando di scoraggiare l’uso della plastica, esortando i negozi a non utilizzarla e facendo attività di sensibilizzazione nelle scuole. L’obiettivo e’ ridurne l’utilizzo del 70% entro il 2025.

Lo scorso giugno nel sud della Thailandia è stata trovata una balena morta dopo aver ingerito più di 80 buste di plastica. La Thailandia è uno dei più grandi consumatori al mondo di confezioni di plastica e ogni anno sono centinaia le vittime tra le specie marine nelle zone delle spiagge più affollate. L’esemplare maschio di balena era stato trovato vivo in un canale vicino al confine con la Malaysia e dopo i vani tentativi di salvarlo, l’autopsia aveva evidenziato che aveva ingerito un totale di circa 8 chilogrammi di plastica. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste