giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Bagnoli, l’ex sito industriale di Napoli, si trasforma in parco urbano

Bagnoli sito industrialeRidisegnare il nuovo scenario di Bagnoli, l’ex sito industriale di Napoli, per trasformarlo nel polmone verde della città e farne potenzialmente uno dei luoghi più attrattivi del Paese. È questo l’obiettivo del concorso internazionale di idee che è stato presentato oggi a Milano e chiama a raccolta i grandi studi di architettura italiani e internazionali. Il cuore dell’operazione sarà il grande parco di circa 120 ettari, affacciato sul mare, che al suo interno ospiterà manufatti di archeologia industriale, spazi per la ricerca, attività per lo sport e per il tempo libero.

Il concorso, bandito da Invitalia, l’Agenzia per lo sviluppo incaricata dal governo per attuare il piano di rilancio, scade il 7 gennaio e rientra nell’ambiziosa operazione di bonifica e valorizzazione dell’area per riconvertire i terreni dell’ex impianto siderurgico in uno dei più grandi e affascinanti parchi urbani d’Europa. L’appuntamento di oggi – dal titolo “Bagnoli/Napoli. UrbaNature Landscape International Contest” – a Milano, per illustrare i dettagli del concorso, è stato organizzato con il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e si è rivolto ad alcuni dei più importanti studi di architettura specializzati nella progettazione di parchi urbani e di waterfront. Insieme agli esponenti di Invitalia, sono intervenuti esperti del Politecnico di Milano. Le conclusioni sono state affidate a Michele Talia, presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.

Il concorso di idee per Bagnoli assegnerà tre premi per un importo totale di 325.000 euro: 150.000 al primo classificato, 100.000 al secondo e 75.000 al terzo. Invitalia avrà la facoltà, inoltre, di affidare al vincitore anche la progettazione definitiva ed esecutiva, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro.

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto