venerdì 14 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Bagnoli, l’ex sito industriale di Napoli, si trasforma in parco urbano

Bagnoli sito industrialeRidisegnare il nuovo scenario di Bagnoli, l’ex sito industriale di Napoli, per trasformarlo nel polmone verde della città e farne potenzialmente uno dei luoghi più attrattivi del Paese. È questo l’obiettivo del concorso internazionale di idee che è stato presentato oggi a Milano e chiama a raccolta i grandi studi di architettura italiani e internazionali. Il cuore dell’operazione sarà il grande parco di circa 120 ettari, affacciato sul mare, che al suo interno ospiterà manufatti di archeologia industriale, spazi per la ricerca, attività per lo sport e per il tempo libero.

Il concorso, bandito da Invitalia, l’Agenzia per lo sviluppo incaricata dal governo per attuare il piano di rilancio, scade il 7 gennaio e rientra nell’ambiziosa operazione di bonifica e valorizzazione dell’area per riconvertire i terreni dell’ex impianto siderurgico in uno dei più grandi e affascinanti parchi urbani d’Europa. L’appuntamento di oggi – dal titolo “Bagnoli/Napoli. UrbaNature Landscape International Contest” – a Milano, per illustrare i dettagli del concorso, è stato organizzato con il patrocinio dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e si è rivolto ad alcuni dei più importanti studi di architettura specializzati nella progettazione di parchi urbani e di waterfront. Insieme agli esponenti di Invitalia, sono intervenuti esperti del Politecnico di Milano. Le conclusioni sono state affidate a Michele Talia, presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica.

Il concorso di idee per Bagnoli assegnerà tre premi per un importo totale di 325.000 euro: 150.000 al primo classificato, 100.000 al secondo e 75.000 al terzo. Invitalia avrà la facoltà, inoltre, di affidare al vincitore anche la progettazione definitiva ed esecutiva, per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro.

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il 13 maggio l’overshoot day per l’Italia

Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto