sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Avviata una campagna per una carbon tax europea

Avviata la campagna per la carbon tax
 
I promotori di ACT-e (Associazione per una Carbon Tax europea) Monica Frassoni (co-presidente dei Verdi Europei), Marco Cappato (Radicali) e il prof. Alberto Majocchi hanno annunciato il lancio di una campagna di raccolta firme su una petizione per istituire una carbon tax europea. La petizione, che verrà inviata al Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, si pone l’obiettivo di porre la lotta al riscaldamento globale in cima alle priorità dell’Unione europea, attraverso uno spostamento della tassazione dal lavoro alle emissioni inquinanti.
 
La campagna è stata lanciata sulla piattaforma Tilt dei Verdi Europei, sulla cui pagina è già possibile inviare la propria adesione in sostegno alla petizione. I promotori della petizione e della campagna si impegnano in maniera trasversale a portare questa battaglia in tutta Europa tramite la creazione di Comitati, affinché la questione sia al centro del dibattito elettorale per le europee del 2019 e in Italia aggreghi intorno a sé forze ecologiste e federaliste.
Ecco il testo dell’iniziativa: “Un campanello d’allarme senza precedenti risuona nelle nostre coscienze: occorre limitare al più presto il surriscaldamento globale a 1,5 gradi centigradi. Altrimenti il rischio di un surriscaldamento aggiuntivo, anche solo di mezzo grado, potrà aggravare ulteriormente i rischi di siccità, inondazioni, calore estremo e la povertà per centinaia di milioni di persone in Europa e sul pianeta. Come sa, alcune regioni europee sono ormai costrette ad affrontare eventi meteorologici sempre più estremi, che si verificano con crescente frequenza e intensità. I drammi avvenuti in paesi come l’Italia, Portogallo e la Grecia sono solo l’esempio di quanto sia urgente affrontare la questione per evitare un ulteriore impatto negativo sulla vita reale dei cittadini europei. Un campanello di allarme senza precedenti che gli stati europei non possono più permettersi di ignorare.
 
Le emissioni di CO2 derivanti dall’uso e dal consumo di combustibili fossili continuano a giocare un ruolo rilevante sul riscaldamento del pianeta. L’Europa può e deve fare qualcosa per contribuire a invertire questa tendenza, adottando misure concrete che possano apportare trasformazioni rapide ed efficaci in settori come l’energia, l’industria e le infrastrutture.
 
Per questo, in quanto presidente dell’organo che rappresenta gli interessi dei cittadini europei, le chiedo di fare pressione sulla Commissione europea affinché venga introdotta una legislazione comunitaria che rafforzi e integri le attuali norme su clima ed energia, al fine di disincentivare il consumo di combustibili fossili in tutti i settori e incentivare il ricorso alle fonti rinnovabili e al risparmio energetico. 
 
Le chiedo in modo particolare che venga:
 
Introdotto un prezzo minimo sulle emissioni CO2 che parta da 40 euro per ogni tonnellata di CO2 prodotto a partire dal 2020 fino ad arrivare al prezzo di 100 euro entro il 2030.
Abolito l’attuale sistema di permessi gratuiti per chi inquina.
Introdotto un meccanismo di adeguamento alle frontiere per le importazioni da paesi terzi, in modo tale da compensare il minore prezzo sulle emissioni di CO2 nel paese esportatore”. 
Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto