sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Auto, entro il 2030 dovranno essere di meno e tutte elettriche

Il nuovo report di Transport&Environment dimostra che la Commissione europea dovrebbe avere più coraggio nella transizione all’auto elettrica. Le case auto e il mercato sono più avanti delle norme e l’auto sarà elettrica prima del 2035. Ma a frenare la corsa sono Paesi arretrati come l’Italia che incentiva, unica nel continente, i veicoli a combustione

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani alla conferenza sul clima di Glasgow non ha aderito alla proposta, sostenuta dagli altri Paesi europei, di non vendere più auto a combustione dopo il 2035. Legambiente crede invece che, proprio a partire dalle dichiarazioni delle case produttrici di auto, sia possibile e auspicabile che tutte le auto vendute dopo il 2030 siano elettriche a batteria ricaricabile. Il governo italiano appartiene alla minoranza più conservatrice e fossile dell’Unione e le associazioni di categoria degli industriali dell’auto sono ben più indietro delle stesse industrie: Volkswagen per prima, Stellantis tra gli ultimi, hanno capito che si è aperta la “gara” a conquistare il nuovo mercato elettrico e che vince chi arriva prima.

Nel terzo trimestre del 2021 le auto a batteria raggiungono una quota di mercato del 19% in tutta Europa (metà full electric e metà plugin), contro il 17,6% di quelle diesel, il 39,5% delle auto a benzina e quasi il 21% di quelle ibride. In Italia invece, unico Paese europeo che incentiva anche le auto a combustione sino a 135 grammi di CO2 a km (145 in Lombardia), le elettriche a batteria raggiungono il 12% e appena il 9% cumulato da inizio anno. Non siamo più un Paese produttore di auto, ma siamo un colosso della componentistica: produciamo per le auto, anche quelle elettriche, tedesche e francesi. Quindi difendiamo i motori diesel di importazione e i carburanti fossili, mentre aumentiamo la marginalità del mercato italiano.

Ma cosa succederà nei prossimi anni in Europa? Il nuovo report di Transport&Environment mostra come negli ultimi anni le regole imposte nel Vecchio Continente hanno stimolato la forte espansione dei veicoli elettrici. Ma i piani di riduzione delle emissioni attualmente in vigore (-37,5% al 2030) appaiono adesso troppo deboli da costituire un potente freno all’espansione del settore.

Nella figura sotto si vede come anche le nuove proposte europee “fit for 55”, che puntano a ridurre del 55% le emissioni di CO2 al 2030, potrebbero essere superate già con due anni di anticipo. Anche la data limite per le vendite di auto a combustione, che la Commissione europea ha proposto per il 2035, potrebbe essere anticipata al 2030: per quell’anno è previsto, stando agli annunci delle case auto, che la quasi totalità delle vendite sia costituito da auto a batteria ricaricabile. Tra il 2025 e il 2027 i prezzi d’acquisto delle auto elettriche nuove dovrebbero aver raggiunto i prezzi di quelle a combustione, mentre l’alimentazione e la manutenzione di quelle a carburanti fossili è già oggi decisamente più costosa.

Obiettivi europei emissioni automobilistiche

A complicare le leggi europee sull’auto pulita sono i numerosi trucchi ancora consentiti dalle prove e dalle norme. Si tratta di norme che favoriscono la vendita di veicoli più pesanti, come i Suv altamente inquinanti e gli ibridi plug-in che, quando non vengono caricati, inquinano anche di più dei veicoli alimentati esclusivamente da combustibili fossili. Secondo i calcoli di T&E, queste lacune legislative, sfruttate in modo particolare da Daimler e Bmw, hanno determinato solo quest’anno minori vendite di auto completamente elettriche nella misura di 840.000 unità (vedi figura sotto). Per questa ragione T&E chiede: “Ora che i governi e gli eurodeputati stanno discutendo le proposte della Commissione Ue per i nuovi standard, che dovrebbero essere finalizzati entro l’inizio del 2023, i politici hanno la possibilità di porre fine a questa ipocrisia”.

Le case auto che più sfruttano le lacune

Intanto in Italia sono in corso grandi manovre parlamentari in corso per ripristinare i “bonus” all’acquisto di auto nuove per famiglie abbienti: il governo ha trovato altri 100 milioni nel collegato fiscale alla legge di bilancio 2022 (del 21 ottobre 2021), ma che ad oggi risulta quasi esaurito (rimangono solo 6 milioni per le auto elettriche). Chi può rimanda l’acquisto, chi non può si rivolge al mercato dell’usato, come stanno facendo le famiglie in tutta Europa. E di auto se ne vendono sempre meno. Come abbiamo già ripetuto: basta bonus per l’acquisto di mezzi, sosteniamo servizi (pubblici, sharing, noleggio) di mezzi elettrici per una mobilità sostenibile per tutti.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto