sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Paolo Hutter

2 POSTS0 COMMENTS
https://www.lanuovaecologia.it
Paolo Hutter è direttore di Ecodallecitta.it. Giornalista e ambientalista. è stato anche impegnato nel Comune di Milano (consigliere dal 1985 al 1997) e di Torino (assessore all’Ambiente dal 1999 al 2001). A Milano è stato fra i fondatori di Radio Popolare. Segue la Tunisia dal 2011.

La Tunisia non è in guerra

Il Paese  dopo la strage sulla spiaggia di Sousse ha subito un colpo pesante al turismo. Ripartire però è indispensabile. Puntando su ambiente e cultura

Un mese fa il nostro reportage

Mosaico di pace

Viaggio in Tunisia a pochi mesi dalla strage del Bardo. Per scoprire un paese ricchissimo di storia e bellezze, dalle mete balneari alla Savana subsahariana

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

Clima, aprile 2021 il più freddo in Europa dal 2003

Lo rileva l'ultimo bollettino diffuso dal Copernicus climate change service. A livello globale registrate temperature superiori di 0,2 gradi rispetto alla media del periodo 1991-2020

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni
Ridimensiona font
Contrasto