Artico: il ghiaccio suona

Un concerto live nel cuore del Circolo Polare Artico: l’obiettivo è stato inviare un messaggio sulla necessità di proteggere il 30% degli oceani e intervenire sullo scioglimento dei ghiacciai, entro il 2030

Il Ghiaccio Più Duro Dell'artico Si Scioglie Per La Prima Volta

Già pensare ad un concerto live nel cuore del Circolo Polare Artico sembra un’idea estrema, ma quello che sono riusciti a fare i musicisti che si sono esibiti in un’iniziativa promossa da Greenpeace è di certo eccezionale, perché il loro messaggio per sensibilizzare sulla tutela del territorio è stato diffuso con strumenti ricavati del ghiaccio. Precisamente gli strumenti sono stati scolpiti nel ghiaccio dando vita ad un concerto inedito (e chissà se ripetibile) nel corso del quale gli artisti hanno suonato “Ocean memories”, pezzo composto proprio per l’iniziativa. Il tutto ad una temperatura ambientale di -12°. Con la loro idea gli attivisti di Greenpeace e gli stessi musicisti hanno voluto inviare un messaggio sulla necessità di proteggere il 30% degli oceani, tentare di intervenire sullo scioglimento dei ghiacciai, entro il 2030. Le immagini dell’esibizione oltre a suscitare reazioni e interventi favorevoli hanno fatto il giro del mondo in poco tempo e, vista l’importanza della causa promossa, in tantissimi hanno scelto volentieri di condividere il video del concerto al Polo Nord.