martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Artico, i cambiamenti climatici fanno proliferare i virus

Foche

PROFONDO BLU

Nel corso degli ultimi decenni la temperatura nell’Artico è aumentata due volte più velocemente rispetto a quanto avvenuto nel resto del pianeta, provocando una drammatica riduzione del ghiaccio marino. Questo processo ha dato un impulso negativo alle popolazioni di foche artiche, che hanno bisogno di calotte glaciali sulle quali poter partorire i propri cuccioli. Tutto ciò, nonostante l’ampliamento della superficie di mare aperto potrebbe aver aumentato la frequenza dei contatti riproduttivi tra popolazioni precedentemente isolate da piattaforme glaciali, limitando così l’accoppiamento tra consanguinei, con possibili effetti positivi sul piano genetico.
Ma c’è di più, una recente ricerca internazionale coordinata dall’Università della California ha mostrato come proprio l’ampliamento dell’habitat di mare aperto a disposizione delle foche, aprendo nuove rotte migratorie, ha messo in contatto le foche artiche con quelle nord-atlantiche, favorendo la trasmissione di virus da parte di queste ultime. Le popolazioni di foche artiche, non essendo mai venute a contatto in precedenza con quei virus ed essendo sprovviste di difese immunitarie, hanno subito negli ultimi anni numerose epidemie. E si tratta di specie di foche sulle quali si basa la sussistenza delle popolazioni umane che ancora vivono nelle regioni artiche.
Nelle regioni artiche, i mammiferi marini, ma anche gli esseri umani, si sono specializzati a vivere in condizioni climatiche estreme attraverso un lungo percorso evolutivo. Il riscaldamento globale sta colpendo in maniera sempre più aggressiva quegli ambienti, dando vita a drastici cambiamenti ambientali, che si verificano a una velocità che non permette alle specie viventi, siano essi foche o umani, di riadattarsi di conseguenza.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Domenico D'Alelio
Ecologo acquatico, ricercatore alla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e vice presidente dell'Associazione italiana di oceanologia e limnologia

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto