martedì 26 Gennaio 2021

Arriva l’ambiente nel World Press Photo 2018

Meraviglie e mostri popolano le immagini del World Press Photo 2018. Cronaca cruda e realtà a volte sconosciute. La foto vincitrice di quest’anno mostra un ragazzo di 28 anni raggiunto dalle fiamme mentre scappa via, in un violento scontro con la polizia durante una protesta verso il presidente Maduro a Caracas. È lo scatto di Ronaldo Schemidt, “Venezuela crisis”.

Giunto quest’anno alla sua 61esima edizione, il concorso ha registrato la partecipazione di 4.500 fotografi provenienti da 125 paesi, con 73mila immagini. Si sono sfidati in otto categorie: contemporary issues, ambiente, general news, progetti di lungo termine, natura, persone, sport, spot news. Con la novità dell’ambiente, sono arrivate immagini che portano avanti momenti della vita degli animali e della loro convivenza con l’uomo, emergenze come quella dei rifiuti e realtà di innovazione in chiave ecologica. Un panorama multiforme catturato da obiettivi attenti, capaci di cogliere in un attimo un messaggio forte e globale.

L’immagine vincitrice della sezione “ambiente” per le foto singole è del sudafricano Neil Aldridge e si intitola “Waiting for Freedom”. Un cucciolo di rinoceronte bianco del Sud in attesa di essere liberato, in Botswana, bendato e drogato dopo esser stato salvato dai bracconieri in Sudafrica. L’immagine fa parte del cosiddetto conservation photojournalism e testimonia l’azione del Botswana per salvare i rinoceronti bianchi, particolarmente ricercati per le proprietà medicinali del loro corno, dalle zone di caccia di frodo in Sudafrica. Integrando, infine, le popolazioni nei loro habitat naturali. Non è la sola immagine che racconta un Sudafrica crudele con le specie che lo abitano: anche Thomas P. Peschak, secondo classificato, ritrae un albatros sanguinante. Suo anche lo scatto terzo classificato.

Se non può mancare una fotografia del continuo e drammatico processo di deforestazione in Amazzonia, è stridente il contrasto tra due immagini salite sul podio come migliori foto-storie. Si tratta delle storie raccontate da Kadir van Lohuizen nelle “Wasteland”, le terre dove si ricicla la plastica, e le “Hunger solutions”, le soluzioni tra innovazione, efficienza ed energie rinnovabili, di Luca Locatelli. Italiano con base a Milano, fotografo del National Geographic, multimedia visual story teller e collaboratore per New York Times, New Yorker, Bloomberg Businessweek e Wired, tra le altre. “Il suo lavoro è focalizzato sulle storie che documentano come persone, scienza e tecnologia hanno un impatto e cambiano il mondo intorno a noi”, si legge nella sua presentazione sul sito del Worl Press Photo. “Luca è attualmente al lavoro su storie riguardanti la produzione di energia e il cambiamento climatico, soluzioni per la fame, innovazione sostenibile nelle città, e paesaggi alterati come conseguenza delle nostre azioni”.

Progetti che gettano sguardi nuovi, si intrecciano e ogni anno ci consegnano una fotografia del mondo. Un passo decisivo per mostrare a tutti quello che sta diventando la nostra Terra, sotto tutti i punti di vista.

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente