martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Arrestato mandante della morte dei giornalisti indonesiani

foto di una foresta tropicale in fiamme

La polizia di Sumatra Settentrionale ha arrestato un proprietario di piantagioni di palma da olio che si ritiene essere il mandante degli assassini. Ulteriori sviluppi nell’inchiesta avviata finalmente dalla polizia indonesiana dopo l’omicidio di due giornalisti-attivisti, Maraden Sianipar e Maratua Siregar, di cui abbiamo dato notizia su queste pagine: i due erano stati trovati morti il 30 ottobre con ferite da taglio su tutto il corpo in un fossato vicino a una piantagione di palma da olio gestita dalla società SAB (Sei Alih Berombang), accusata di aver illegalmente distrutto 750 ettari di foresta nel nord Sumatra.
Secondo il The Jakarta Post l’arresto dell’uomo d’affari, identificato come WP, è avvenuto dopo che la polizia ha arrestato quattro sospetti ritenuti direttamente coinvolti nell’omicidio, altri tre sospettati risultano ancora latitanti. L’ispettore capo della polizia della regione del Sumatra Settentrionale, generale Agus Andrianto, ha affermato che si riteneva che gli omicidi fossero stati provocati da una disputa sulla terra tra l’azienda indagata e gli agricoltori locali. Agus ha dichiarato che l’uomo d’affari aveva pagato una somma del valore di circa mille dollari per uccidere un contadino per porre fine alla disputa prolungata, ma quindo l’agricoltore è riuscito a sfuggire ai suoi killer, è stata data l’indicazione di uccidere i giornalisti.
Prima di lavorare come giornalisti indipendenti, Maraden e Maratua hanno lavorato per il settimanale locale Pilar Indonesia Merdeka, entrambi erano ben conosciuti per il loro attivismo e sostegno dei contadini poveri e difesa delle foreste tropicali essicate e bruciate per coltivarci palme da olio destinate all’esportazione. A queste ingiustizie l’Unione Europea e l’Italia vi contribuisce attivamente con quasi 5 milioni di tonnellate all’anno di importazioni (vedi), secondo – di poco – solo all’India, che importa olio di palma per la propria cucina, noi invece ne usiamo il 54% per riempire i serbatoi delle nostre automobili, l’11% per produrre elettricità e solo 35% tra merendine, cosmesi e prodotti per lavare. Contro l’olio di palma incentivato per legge nei biocarburanti la petizione www.change.org/unpienodipalle/ ha appena superato le 38 mila firme in queste ora.

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico
Ridimensiona font
Contrasto