venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Argentina, incendi: è disastro ambientale

Cominciati il 7 marzo si sono estesi fino al 10 in Patagonia. Si ripetono ogni anno e sono aggravati dai cambiamenti climatici. Ma le multe non bastano a scoraggiare. Il presidente Fernandez duramente contestato dai manifestanti della regione

Greenpeace Argentina lo ha ripetuto a gran voce, da anni, ormai: “Gli incendi boschivi si ripetono ogni anno e sono aggravati dai cambiamenti climatici. Le foreste sono sempre più minacciate dagli incendi causati da fenomeni naturali e dall’attività umana, sia per negligenza che intenzionalmente. Le multe non bastano a scoraggiare gli incendi e il disboscamento”.

L’ultimo grande disastro ha interessato la Patagonia a causa di 6 incendi che hanno devastato molti ettari di boschi. Cominciato il 7 marzo con un incendio boschivo vicino a El Bolsón (Río Negro), che è avanzato rapidamente fino a raggiungere El Maitén (Chubut), incenerendo 2.000 ettari di boschi, piantagioni di pini e praterie e devastando diverse fattorie. Poi sono scoppiati altri grossi incendi che si sono attenuati solo con la pioggia caduta tra la notte del 10 marzo e la giornata dell’11.

Incendi in Argentina: è disastro

Lo “stato di disastro” è stato dichiarato il governatore della Provincia argentina del Chubut Mariano Arcioni nel decreto in cui spiega che rimarrà per un periodo di un anno a causa delle conseguenze che gli incendi hanno generato. Per quanto riguarda il loro contenimento  prima dell’arrivo della pioggia, è stato ammesso che “Non ce l’abbiamo fatta. Sicuramente verrà emesso un rapporto”.

“Gli incendi boschivi si ripetono ogni anno e sono aggravati dai cambiamenti climatici. Le foreste sono sempre più minacciate dagli incendi causati da fenomeni naturali e dall’attività umana, sia per negligenza che intenzionalmente. Le multe non bastano a scoraggiare gli incendi e il disboscamento” – Greenpeace Argentina.

Decine di manifestanti hanno duramente contestato il presidente dell’Argentina Alberto Fernandez durante una visita in Patagonia, in un’area devastata dagli incendi boschivi. I partecipanti alla protesta hanno espresso la loro rabbia per gli incendi dolosi e contro i progetti minerari che interessano la provincia di Chubut prendendo a calci il minibus su cui viaggiava il presidente.

Per Hernán Giardini, coordinatore della campaña de Bosques di Greenpeace Argentina. “Si tratta di una catastrofe. La distruzione delle foreste deve essere fermata adesso. I governi provinciale e nazionale devono utilizzare tutte le risorse disponibili per fermare questo ecocidio e indagare le cause di tanti focolai simultanei. Ovviamente le alte temperature, la siccità e il gran numero di piantagioni di pini hanno contribuito a questo disastro. D’altra parte, è necessario espandere in modo significativo i fondi e le infrastrutture per la prevenzione e la lotta contro gli incendi”. Greenpeace Argentina chiede da anni che sia il disboscamento illegale che gli incendi boschivi siano classificati come reato penale e che i responsabili siano costretti a ripristinare le foreste native distrutte.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Caccia, le Regioni rifiutano la tutela per la tortora

Secca la reazioni delle associazioni ambientaliste al rifiuto delle Regioni di ogni tutela per la tortora: "Senza il Piano di gestione scatterà la moratoria completa"

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc
Ridimensiona font
Contrasto