martedì 26 Gennaio 2021

Aprile 2019

La rigenerazione urbana attraversa le aree marginali delle nostre città. E lo fa a piedi. Da Milano a Reggio Calabria c’è un’Italia fatta di persone che con le escursioni ricostruiscono comunità, riscoprono luoghi nascosti, denunciano degrado e generano benessere. A loro Nuova Ecologia dedica la storia di copertina del numero di aprile, “Periferie in cammino”, che racconta esperienze di trekking urbano negli spazi periferici.

Qualche numero può essere utile. Nelle periferie, dove vive il 75% dei residenti delle maggiori città italiane, il 60% delle famiglie dichiara di avere difficoltà a raggiungere un pronto soccorso, il 19% addirittura una farmacia. E, ancora, gli uffici comunali (30%) e le Poste (27%). Il trasporto pubblico è invece un incubo per il 15% dei residenti. Una rigenerazione materiale e umana, raccontata nelle pagine del mensile di Legambiente, è quella iniziata a Corviale, il “Serpentone” di Roma, dove sono partiti i lavori per realizzare “il chilometro verde” in cui oltre agli appartamenti ci saranno gli spazi comuni. A 37 anni dalla consegna delle prime case.

È periferia anche L’Aquila. Un’inchiesta, a dieci anni dal terremoto del 6 aprile 2009, svela una città in cui solo la tenacia dei cittadini sta evitando un collasso sociale: le scuole sono a rischio chiusura, la mobilità urbana carente e la disoccupazione in aumento.

All’interno della rivista anche un reportage dalle terre alte colpite da Vaia, il ciclone che lo scorso 29 ottobre ha sradicato ben 14 milioni di alberi fra Trentino, Sud Tirolo, Veneto e Friuli. “La Nuova Ecologia” dà voce alle comunità che nelle foreste dolomitiche e carniche chiedono di essere coinvolte in tutte le decisioni che riguardano il futuro del loro territorio, per prevenire e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.

Il mensile riannoda infine le ragioni delle tensioni crescenti fra India e Pakistan con un reportage dal Kashmir. Nella regione di confine fra i due Paesi, controllata da Nuova Delhi, scorrono gli affluenti dell’Indo, da cui dipende l’80% dell’agricoltura pakistana e la sopravvivenza di milioni di persone. Qui lo sblocco da parte indiana ai progetti di decine di impianti idroelettrici minaccia equilibri regionali già fragilissimi.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia