martedì 26 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Approvata la legge di Stabilità, l’ambiente in bilancio

La Legge di Stabilità appena approvata assomiglia molto alla legislatura che si avvia a conclusione. Sono infatti molti i provvedimenti approvati positivi per l’ambiente: dalla marine litter, con il divieto di produzione e commercializzazione dei cotton fioc non biodegradabili a partire dal 2019, alla spinta all’utilizzo della plastica riciclata, dall’allargamento degli incentivi per la riqualificazione dei condomini al finanziamento con 5 milioni di euro all’anno del fondo per la demolizione degli edifici abusivi, fino alla creazione dei Parchi nazionali del Matese e di Portofino e agli incentivi per gli interventi di efficienza energetica nell’illuminazione pubblica. Merito degli emendamenti introdotti nella discussione parlamentare, con voti spesso di tutti i gruppi, visto l’ampio consenso di cui godono questi temi tra i cittadini, e proposti in particolare da Ermete Realacci ed Enrico Borghi, dal Ministro delle infrastrutture Graziano Delrio. Eppure se si guarda all’insieme dei contenuti di un provvedimento monstre (un articolo con 686 commi!), rimane il rammarico di aver perso l’occasione, tanto in questo provvedimento di spesa come nella legislatura, di far compiere il salto di scala di cui avremmo bisogno alla questione ambientale – come aveva proposto Legambiente in un documento presentato all’apertura del confronto parlamentare – per farla diventare la chiave per il rilancio del Paese dando risposta all’emergenza climatica e ai problemi di inquinamento delle città italiane. Per comprendere questa contraddizione dobbiamo guardare con attenzione a chi sta festeggiando questo fine 2017. Ad esempio i fortunati gestori delle autostrade, che hanno avuto in regalo da un lato il prolungamento della concessione, a fronte di investimenti che servono soprattutto a loro, e dall’altro di poter aumentare la quota di lavori che possono fare senza gare (con la conseguente protesta dei costruttori, a partire dall’Ance). Quando, ricordiamolo sempre, quelle infrastrutture sono nostre, realizzate anni fa dallo Stato, e già oggi garantiscono introiti miliardari ogni anno a chi le gestisce. Per i temi energetici il 2017 è stato un anno importante, con l’approvazione della nuova Strategia Energetica Nazionale che fissa gli obiettivi al 2030 per il clima e l’energia. Seppur insufficienti rispetto a quanto l’Italia dovrebbe, e potrebbe, fare quella foto di Gentiloni, con i Ministri Calenda e Galletti, che firmano gli impegni per un futuro di decarbonizzazione per il Paese è una bella immagine che ci portiamo dietro di quest’anno. Salvo ricordare che questa legislatura è stata per le fonti rinnovabili davvero pessima, con provvedimenti che sono andati solo nella direzione di rallentare e fermare gli investimenti, penalizzando l’autoproduzione da energie pulite, ossia la vera rivoluzione che ci aspetta alle porte. Nel frattempo a brindare sono i grandi consumatori di energia, che hanno ottenuto uno sconto in bolletta che verrà scaricato sulle utenze domestiche. Anche nella forma questa scelta racconta quanto sia vecchio questo modo di ragionare. Perché oggi ha molto più senso aiutare le imprese a essere più efficienti e a prodursi direttamente l’energia da rinnovabili piuttosto che dargli l’ennesimo sussidio (che si somma ai tanti contro l’ambiente che sono nel bilancio dello Stato). Dovremo ripartire da qui per rilanciare l’impegno di Legambiente nella nuova legislatura. Da queste importantissime vittorie e da un idea dell’ambiente come chiave di un cambiamento per un Paese più moderno, pulito e giusto.

Edoardo Zanchinihttps://www.lanuovaecologia.it
Vicepresidente nazionale di Legambiente. twitter @ezanchini

Articoli correlati

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Ecomondo e Key energy, dove passa la transizione ecologica dell’Italia

Alla Fiera di Rimini fino al 29 ottobre appuntamenti in presenza e in digitale per rimettere in connessione il mondo della pubblica amministrazione, quello finanziario e imprenditoriale

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“I mercati del carbonio non sono progettati per ridurre le emissioni”. L’intervista a Larry Lohmann

Il ricercatore dell’organizzazione britannica The Corner House spiega i limiti dei meccanismi di finanziarizzazione della natura

Diritti umani e dell’ambiente, dal non profit nasce la campagna “Impresa 2030”

Ben 16 milioni di persone sottoposte a forme moderne di schiavitù lungo le filiere produttive. Le organizzazioni di categoria propongono una norma di due diligence che imporrà alle imprese di adottare pratiche efficaci nel garantire il rispetto dei diritti umani e degli ecosistemi

Tutte le strade portano a Glasgow

Gli anni da qui al 2030 saranno cruciali per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1,5 °C. Ecco perché la Cop26 deve essere il vertice dell’azione per combattere la crisi climatica

Centro Italia, prorogati i termini della campagna Alleva la speranza +

Continua l’impegno di Enel e Legambiente a favore delle aree terremotate. Fino al 30 novembre sulla piattaforma Planbee sarà possibile sostenere allevatori, allevatrici e imprenditori locali del turismo sostenibile, aiutandoli a realizzare il loro progetto di rinascita

Nascono gli ortofrutteti solidali

Accade in Sicilia, a Modica e Catania, grazie a un progetto ideato da AzzeroCO2. Privati, aziende, associazioni di volontariato e cooperative sociali insieme per rigenerare i territori e tutelare la biodiversità
Ridimensiona font
Contrasto