giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Appia Day, torna la Regina Viarum

foto di Sarah Carlet dell'Appia Day 2017

L’Appia Antica è stato un originale modello di collegamento viario capace di unire Roma e territori lontani. Più di 2300 anni dopo l’Appia Antica può diventare per la Capitale la via privilegiata di un’azione di trasformazione della città. Era l’idea di Antonio Cederna, il grande intellettuale italiano che più di altri s’è battuto per la salvezza di questa antica consolare: superare la vecchia concezione dei monumenti antichi chiusi nel recinto e proporre il patrimonio archeologico come principio regolatore dell’intero sistema urbano, in un inedito intreccio di archeologia e urbanistica. Un’ispirazione oggi ancora più attuale. Il grande triangolo di storia e paesaggio che dal Campidoglio si apre come un cuneo verde verso i Castelli, dopo più di un secolo di saccheggio edilizio dell’agro, è l’unica relazione rimasta tra città antica e campagna romana e l’ultima possibilità – come spiega Walter Tocci in un suo bel saggio – per una dignitosa forma urbis della Città metropolitana. Nello stesso tempo è il luogo di un traffico automobilistico inaccettabile, di un inaccettabile abusivismo edilizio, di attività inconciliabili con uno dei musei a cielo aperto più suggestivi del mondo.

Ecco, riappropriarsi della storia dell’Appia, liberarla dai mali che la soffocano, può essere il miglior viatico per l’affermazione di un’idea nuova di uso del territorio e dei beni comuni. E non solo a Roma e nell’agro romano. Ma giù, fino a Capua, a Benevento, Brindisi, Taranto, ai luoghi che la Regina Viarum ha unito e trasformato nell’antichità e che oggi hanno una pressante necessità di essere trasformati di nuovo, di trovare un nuovo raccordo capace di unire valori archeologici, paesaggistici, culturali e l’effervescente moltitudine di realtà formali e informali che si dedicano alla tutela di monumenti e natura e guardano all’antica consolare come porta d’accesso a un futuro più attento al territorio, al paesaggio, alla storia.

Proprio per mettere in rete i mondi dell’Appia il prossimo 5 maggio a Caserta, ospiti della Reggia, si terrà un forum organizzato tra gli altri da Legambiente, Coopculture e Touring club italiano che vuole provare a comporre un progetto contemporaneo di Appia Antica forte del contributo di tutti quelli che se ne occupano e se ne prendono cura: il parco archeologico, le università e la ricerca, le associazioni ambientaliste e quelle di tutela, i Comuni e le Regioni, le imprese del territorio.

Mentre la settimana successiva, il 13 maggio, si terrà la terza edizione di Appia Day, opera corale, collettiva e partecipata da tantissime realtà diverse, locali e nazionali, con lo stesso obiettivo: far tornare l’Appia Regina Viarum.

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto