giovedì, Ottobre 29, 2020

L’appello: “Per affrontare le sfide climatiche bisogna proteggere la biodiversità”

La biodiversità di tutto il mondo deve essere protetta. Solo in presenza di una sufficiente diversità genetica le popolazioni naturali di qualsiasi specie potranno affrontare le sfide del cambiamento globale, il cambiamento dell’uso del suolo e il cambiamento climatico in atto.

Con questi presupposti, 20 ricercatori esperti di conservazione hanno firmato un appello che è stato pubblicato sull’autorevole rivista Science. Tra i firmatari anche Cristiano Vernesi della Fondazione Edmund Mach, che mira a promuovere un piano di azione per proteggere la diversità genetica di tutte le specie animali e vegetali sul pianeta. Il motivo scatenante che ha reso necessaria la scrittura è stato il fatto che la Conferenza della Parti ha concordato e pubblicato una prima bozza sulla strategia post-2020 in cui, però, la diversità genetica sarebbe menzionata tangenzialmente e soprattutto sarebbe esclusivamente riferita alle specie domestiche e di interesse agricolo. Nell’appello dei ricercatori si afferma invece che la diversità genetica dovrebbe essere messa al centro dell’attenzione per tutte le specie, siano esse selvatiche o no, in ogni programma di gestione e conservazione della biodiversità. Il documento, la cui pubblicazione è stata decisa nel corso di una recente Training School della Cost Action G-Bike presieduta da Cristiano Vernesi della Fem, ha raccolto molta attenzione da parte della comunità scientifica e dei media internazionali. 

La parziale presa di posizione della Conferenza delle Parti sarebbe anche contraria ai principi della Convenzione sulla Diversità Biologica, pubblicata nel summit mondiale di Rio de Janeiro del 1992, in cui i leader mondiali concordarono una strategia globale di “sviluppo sostenibile”. Ad oggi la Convenzione è sottoscritta da 193 Paesi ed è nota per aver definito la biodiversità come la conosciamo oggi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,911FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Nel 2019 cinquanta banche hanno finanziato la perdita di biodiversità

Nel 2019 le 50 banche più potenti del pianeta hanno investito su imprese che con le loro attività stanno accelerando l'estinzione di specie animali e la sparizione di ecosistemi. Tra queste anche due istituti di credito italiani. La denuncia nel rapporto Bankrolling extinction del collettivo Portfolio Earth

Stop a oli di palma e di soia per usi energetici: arriva il Sì del Senato

Con il voto della Camera, l’Italia potrebbe essere il terzo paese europeo ad anticiparne la fine, imposta dall'Ue per il 2030

“Ripartiamo dall’acqua”, idee e proposte per l’Italia

Al 2° Forum sul servizio idrico integrato sostenibile Legambiente lancia 5 proposte con al centro riqualificazione, innovazione e investimenti strategici per il Sud. L'associazione: “Ecco il nostro progetto per fare del servizio idrico un pilastro del Piano nazionale di ripresa e resilienza” / GUARDA IL VIDEO DELL'INCONTRO

Vaia, due anni dopo: gli alberi schiantati diventano l’edificio in legno più alto d’Italia

Un progetto di social housing a Rovereto: 9 piani per 29 metri, costruito con il prezioso legno degli alberi caduti, grazie al lavoro di aziende certificate PEFC e aderenti alla Filiera Solidale

Ciao Rita

Il Covid-19 ci ha portato via Rita Tiberi ed è un immenso dolore. È stata una colonna portante di Legambiente praticamente da sempre, in...