domenica 24 Gennaio 2021

Appello dei giornalisti: “Subito una Rai plastic Free”

Immagine di posate di plastica

Plastic free anche nelle sedi della Rai? La risposta affermativa dei giornalisti italiani è arrivata forte in questi giorni con un appello firmato dal segretario dell’Associazione stampa romana, Lazzaro Pappagallo. L’iniziativa di aderire alla direttiva europea, recepita dal ministero dell’Ambiente per l’abbattimento dell’utilizzo della plastica (a cominciare dalle confezioni usa e getta), è partita da un gruppo di giornalisti del Giornale Radio Rai, ha spiegato Pappagallo, segno che “si avverte come una necessità viva il tema della sostenibilità ambientale del nostro pianeta e di passare all’azione con comportamenti coerenti a iniziare dal proprio posto di lavoro, eliminando l’uso della plastica.”

Per lanciare la campagna di sensibilizzazione “per una Rai libera dalla plastica” il gruppo invita tutti i colleghi anche attraverso i social (#GrrPlasticFree #Radio1PlasticFree) perché “non c’è più tempo da perdere, l‘era della plastica è terminata, dobbiamo passare a materiali alternativi e dobbiamo iniziare subito. Eliminiamo dalle macchinette automatiche tutto ciò che è avvolto da plastica, parliamo degli snack e delle bottiglie. La mensa poi: spesso la lavastoviglie risulta “rotta” e si utilizzano, quindi, stoviglie di plastica. Non è più accettabile.

Bisogna intraprendere azioni decise, le alternative alla plastica ci sono. Chiediamo di iniziare un percorso che ci liberi in tempi brevi dalla plastica. Scegliamo aziende che lavorino con un packaging biodegradabile. Per l’acqua: installiamo bolle di vetro con bicchieri di carta.

Chiediamo al presidente Marcello Foa, all’amministratore delegato Fabrizio Salini e a tutto il consiglio di amministrazione di lavorare per una Rai libera dalla Plastica”

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia