martedì 1 Dicembre 2020

Andamento lento

Vetta Subasio, andamento lento

Fatto cento il numero di turisti americani, 70 fra questi si definiscono turisti “attivi”, mentre gli altri 30 si percepiscono come mass travelers, ovvero viaggiatori tradizionali che non approfittano delle giornate di vacanza per correre, remare, pedalare, scalare o, più semplicemente, camminare. La scelta di fare del 2019 l’Anno del turismo lento coglie dunque una tendenza nel settore che cresce ovunque, non solo oltre oceano. Una vacanza fatta spesso di percorsi, utilizzata per “entrare” in un territorio, per provare a carpirne l’anima indugiando fra cibi ed esperienze, visite a piccoli musei e incontri con gli inconsapevoli attori del luogo.
Turismo lento non solo nel suo incedere in un territorio, nel suo trascorrere da una località all’altra, ma anche nell’approccio al tempo della vacanza, non più scandito dall’urgenza del divertimento, dalla necessità dei riti estivi, ma orientato alla lentezza che approfitta della casualità, fa tesoro dell’incontro fortuito, vive il tempo della vacanza come vacatio appunto, tempo dell’ozio e della sospensione dagli obblighi. In tempi di discussioni sulla realizzazione di grandi opere sarebbe il caso di pensare a infrastrutturare il nostro territorio per accogliere degnamente questi nuovi turismi. E ci vorrebbe davvero poco, come si era cominciato a fare con la rete delle ciclovie turistiche nazionali, una serie di percorsi ciclabili finanziati, ma ancora lungi dall’essere praticabili.
Scommettere sulla realizzazione di un percorso di turismo lento, sia esso una ciclovia o un sentiero, significa creare il famoso “sistema territoriale”, fare rete fra i piccoli operatori, spostare l’attenzione dalle destinazioni e dagli attrattori all’itinerario stesso, e magari anche alle varianti che è possibile scoprire o inventare lungo il corso principale. Un sistema turistico che faccia del territorio il suo fattore di competizione, che su di esso distribuisca risorse e ricchezza, al servizio di una nuova leva di turisti più attivi, curiosi e consapevoli. Di questo sarebbe il caso di parlare in quest’anno dedicato al turismo lento, sperando che non si esaurisca tutto nel solito racconto sulle eccellenze enogastronomiche.

Articoli correlati

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,168FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Protetto: Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO   COMPRA UNA COPIA CARTACEA O SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO GUARDA I NUMERI PRECEDENTI ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  REGISTRATI SUL SITO

Dicembre 2020

SFOGLIA IL NUMERO LEGGI L'EDITORIALE DEL DIRETTORE FRANCESCO LOIACONO SOTTOSCRIVI UN ABBONAMENTO -- ACQUISTA UNA COPIA GUARDA I NUMERI PRECEDENTI  

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste