giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Andamento lento

Vetta Subasio, andamento lento

Fatto cento il numero di turisti americani, 70 fra questi si definiscono turisti “attivi”, mentre gli altri 30 si percepiscono come mass travelers, ovvero viaggiatori tradizionali che non approfittano delle giornate di vacanza per correre, remare, pedalare, scalare o, più semplicemente, camminare. La scelta di fare del 2019 l’Anno del turismo lento coglie dunque una tendenza nel settore che cresce ovunque, non solo oltre oceano. Una vacanza fatta spesso di percorsi, utilizzata per “entrare” in un territorio, per provare a carpirne l’anima indugiando fra cibi ed esperienze, visite a piccoli musei e incontri con gli inconsapevoli attori del luogo.
Turismo lento non solo nel suo incedere in un territorio, nel suo trascorrere da una località all’altra, ma anche nell’approccio al tempo della vacanza, non più scandito dall’urgenza del divertimento, dalla necessità dei riti estivi, ma orientato alla lentezza che approfitta della casualità, fa tesoro dell’incontro fortuito, vive il tempo della vacanza come vacatio appunto, tempo dell’ozio e della sospensione dagli obblighi. In tempi di discussioni sulla realizzazione di grandi opere sarebbe il caso di pensare a infrastrutturare il nostro territorio per accogliere degnamente questi nuovi turismi. E ci vorrebbe davvero poco, come si era cominciato a fare con la rete delle ciclovie turistiche nazionali, una serie di percorsi ciclabili finanziati, ma ancora lungi dall’essere praticabili.
Scommettere sulla realizzazione di un percorso di turismo lento, sia esso una ciclovia o un sentiero, significa creare il famoso “sistema territoriale”, fare rete fra i piccoli operatori, spostare l’attenzione dalle destinazioni e dagli attrattori all’itinerario stesso, e magari anche alle varianti che è possibile scoprire o inventare lungo il corso principale. Un sistema turistico che faccia del territorio il suo fattore di competizione, che su di esso distribuisca risorse e ricchezza, al servizio di una nuova leva di turisti più attivi, curiosi e consapevoli. Di questo sarebbe il caso di parlare in quest’anno dedicato al turismo lento, sperando che non si esaurisca tutto nel solito racconto sulle eccellenze enogastronomiche.

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto