venerdì, Ottobre 23, 2020

Andamento lento

Vetta Subasio, andamento lento

Fatto cento il numero di turisti americani, 70 fra questi si definiscono turisti “attivi”, mentre gli altri 30 si percepiscono come mass travelers, ovvero viaggiatori tradizionali che non approfittano delle giornate di vacanza per correre, remare, pedalare, scalare o, più semplicemente, camminare. La scelta di fare del 2019 l’Anno del turismo lento coglie dunque una tendenza nel settore che cresce ovunque, non solo oltre oceano. Una vacanza fatta spesso di percorsi, utilizzata per “entrare” in un territorio, per provare a carpirne l’anima indugiando fra cibi ed esperienze, visite a piccoli musei e incontri con gli inconsapevoli attori del luogo.
Turismo lento non solo nel suo incedere in un territorio, nel suo trascorrere da una località all’altra, ma anche nell’approccio al tempo della vacanza, non più scandito dall’urgenza del divertimento, dalla necessità dei riti estivi, ma orientato alla lentezza che approfitta della casualità, fa tesoro dell’incontro fortuito, vive il tempo della vacanza come vacatio appunto, tempo dell’ozio e della sospensione dagli obblighi. In tempi di discussioni sulla realizzazione di grandi opere sarebbe il caso di pensare a infrastrutturare il nostro territorio per accogliere degnamente questi nuovi turismi. E ci vorrebbe davvero poco, come si era cominciato a fare con la rete delle ciclovie turistiche nazionali, una serie di percorsi ciclabili finanziati, ma ancora lungi dall’essere praticabili.
Scommettere sulla realizzazione di un percorso di turismo lento, sia esso una ciclovia o un sentiero, significa creare il famoso “sistema territoriale”, fare rete fra i piccoli operatori, spostare l’attenzione dalle destinazioni e dagli attrattori all’itinerario stesso, e magari anche alle varianti che è possibile scoprire o inventare lungo il corso principale. Un sistema turistico che faccia del territorio il suo fattore di competizione, che su di esso distribuisca risorse e ricchezza, al servizio di una nuova leva di turisti più attivi, curiosi e consapevoli. Di questo sarebbe il caso di parlare in quest’anno dedicato al turismo lento, sperando che non si esaurisca tutto nel solito racconto sulle eccellenze enogastronomiche.

Articoli correlati

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,879FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Ciclo-Via Appenninica: 2 milioni di euro per la cartellonistica dell’itinerario

L'Appennino Bike Tour sarà inaugurato entro il 2021: un percorso in bici ben segnalato che unirà la Liguria alla Sicilia, valorizzando borghi, cultura e paesaggi italiani

Giappone, obiettivo emissioni zero entro il 2050

Lo annuncia il Primo Ministro Yoshihide Suga. Pressioni sulle aziende inquinanti, ora il futuro del Paese è in mano alle rinnovabili

Riforma Pac: un’ecotruffa scoraggiante firmata Ue

Il Parlamento Europeo e il Consiglio AgriFish con le loro posizioni sulla riforma della Politica Agricola Comune (PAC) hanno decretato una battuta di arresto del percorso di attuazione del Green Deal europeo.

In Italia 598 Comuni rifiuti free, in crescita quelli del Sud

Legambiente premia i Comuni Ricicloni 2020. Il Nord Est guida la graduatoria grazie a porta a porta e tariffazione puntuale, con Veneto e Trentino Alto Adige le regioni più virtuose. In risalita il Meridione, mentre resta stabile l'andamento del Centro. I risultati dell'indagine

Recovery plan, “Un investimento per il futuro dei nostri figli”

Il sottosegretario del ministero dell’Ambiente Roberto Morassut indica la direzione prevista per i fondi in arrivo dalla Commissione europea. Tra le priorità gli impianti per la rigenerazione dei rifiuti, una maggiore applicazione del Gpp e l’emanazione di nuovi decreti End of waste