sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Ancler, l’applicazione salva polmoni

Dal mensile di aprile Una valle circondata da colline che sembrano canyon, scarsamente ventilata, dove inquinamento e polveri sottili persistono, concentrandosi nell’aria. La Valle del Sacco, oltre al problema dell’interramento di rifiuti, paga anche la sua naturale condizione orogeografica. «È come se ci trovassimo in una pentola piena di fumo chiusa con un coperchio», spiega a Nuova Ecologia il dottor Giambattista Martino, coordinatore scientifico dell’Associazione medici di famiglia per l’ambiente di Frosinone, da tempo la città più inquinata del Centrosud. Lo scorso anno, secondo il rapporto “Mal’aria” di Legambiente, per 68 giorni (contro i 35 consentiti dalla legge) le centraline Arpa hanno registrato livelli di pm10 superiori al limite consentito (50 microgrammi/m3 al dì). Un fenomeno responsabile di gravi cardiopatie, patologie respiratorie, neurologiche e neuro-degenerative (autismo e Alzheimer), che ha spinto l’associazione a correre ai ripari.

È nato così Ancler, uno strumento per il monitoraggio delle polveri sottili, sviluppato “dal basso” in collaborazione con il FabLab di Frosinone e la società Evlotica. Grazie alla tecnologia Iot (Internet of things) è in grado di confrontare in tempo reale i dati medici con i valori degli inquinanti atmosferici, consentendo di pianificare strategie di prevenzione mirate. Ad acquisirli, una rete di 45 centraline distribuite in vari comuni del frusinate, fra cui Anagni, Cassino, Giuliano di Roma. Attraverso speciali sensori, queste individuano le polveri sottili pm10, pm2,5 e le più piccole pm1, solitamente non contemplate, capaci di raggiungere cuore, polmoni, gonadi e cervello. «È un sistema più capillare ed esteso rispetto a quello usato dagli enti istituzionali», assicura il dottor Giambattista Martino. «Le centraline Arpa registrano la media giornaliera con tecniche di misurazione gravimetriche che “pesano” il particolato raccolto in appositi filtri nell’arco delle 24 ore. Non consentono la lettura continua dei dati, necessaria per stabilire i picchi della giornata». Ancler riesce a restituire questi valori grazie alla misurazione a scattering: un fascio di luce laser conta le particelle contenute nell’aria convogliata nel dispositivo, calcolate da un microprocessore che ne valuta quantità e grandezza momento per momento. «I dati vengono poi inoltrati via internet a un server cloud e raccolti sul sito web di Ancler e su un’applicazione mobile, consultabili anche dal cittadino in tempo reale, consentendogli di valutare se è il caso di uscire, stare in casa o fare sport», spiega Elena Papetti, presidentessa del FabLab di Frosinone. «Lo scorso gennaio nel capoluogo sono stati registrati valori fuori scala per l’80% della giornata, con picchi di 200/300 mgr di pm10. Ciò ci ha permesso di stabilire un rapporto fra gli accessi al pronto soccorso e la zona di residenza dei pazienti e di dimostrare come d’inverno l’aumento delle concentrazioni fa crescere il numero degli infarti. Servono interventi tempestivi delle amministrazioni», commenta Martino. Dalla chiusura del traffico a quella di scuole, centri anziani o sportivi nelle aree critiche. Quanto ai costi, Ancler viene dato a noleggio a circa 80 euro al mese ai Comuni richiedenti. Un progetto etico al servizio della prevenzione, attento all’ambiente e alla salute della persona.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto