sabato 28 Novembre 2020

Anagni, ennesimo incendio alla ex Polveriera

Sabato sera, 29 agosto, è divampato un incendio nell’ex polveriera di Anagni, il secondo in meno di un mese. La polveriera è un ex- deposito militare di 187 ettari, acquistato dal Comune di Anagni nel 2009. Le fiamme, di vaste proporzioni, si sono estese per diversi ettari, bruciando la zona in più punti. “Per l’incendio della ex Polveriera – annuncia il primo cittadino Daniele Natalia – andranno più avanti analizzate le cause, non voglio esprimermi senza dati certi alla mano. Se si fosse trattato di una “bravata” allora daremo tutto il nostro supporto affinché chi di dovere possa trovare il colpevole.”

Riportiamo qui il comunicato stampa rilasciato dal Circolo Legambiente di Anagni:

“In contemporanea alla serata conclusiva del XXVII Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale, nella scorsa notte ad Anagni è andata in scena l’edizione 2020 del “Incendio della ex Polveriera”. Un disastro annunciato che si ripete ciclicamente e al quale siamo costretti ad assistere sgomenti e rassegnati di fronte all’inazione, oggettivamente bipartisan, delle diverse amministrazioni.
La ex Polveriera è un bene comune dei cittadini di Anagni. È l’unica zona verde rimasta in un territorio che ha visto negli anni un devastante consumo di suolo. La sua acquisizione da parte del comune di Anagni avrebbe potuto significare una possibilità di sviluppo sostenibile del territorio con una restituzione ambientale, necessaria per mitigare il pesante carico di inquinamento della Valle del Sacco. È anche un patrimonio ambientale dei cittadini di Anagni e della Valle del Sacco. Le fanno cornice i Monti Lepini da un lato e i monti Ernici dall’altro. Situata nel bacino idrografico del fiume Sacco e nel distretto idrogeografico dell’Appennino Meridionale, con i suoi 187 ettari di estensione e la sua minima antropizzazione rappresenta un prezioso bacino di conservazione di biodiversità. Rientra nel SIN “Bacino del fiume Sacco” e per le attività di caratterizzazione propedeutiche alla necessaria bonifica sono stati già stanziati i fondi, fin dal marzo 2019.

La ex Polveriera è, sostanzialmente e da tempo, lasciata a se stessa: la manutenzione ordinaria sembra inesistente: solo a titolo di esempio, procedendo dalla Stazione Ferroviaria verso Villamagna è evidente la recinzione esterna danneggiata o addirittura assente in più punti, il che la rende facilmente accessibile da quanti la impiegano come discarica abusiva, o per chissà quali altre azioni criminali. Le diverse mini discariche di rifiuti che costellano il perimetro della polveriera completano il quadro desolante. I cittadini di Anagni non hanno nessun modo di usufruirne. Eppure, la posizione sarebbe perfetta per la vicinanza alle linee di comunicazione stradali e ferroviarie e un suo impiego intelligente potrebbe infondere nuova linfa vitale all’economia locale.

Come accaduto nei precedenti incendi, anche questa volta ci saranno delle indagini e, auspicabilmente, verranno individuate le cause materiali dell’incendio, ma quanto accaduto dimostra fondamentalmente l’incuria verso un Bene Comune lasciato nell’abbandono.
Come Legambiente, negli anni abbiamo scritto decine di comunicati, esposti, segnalazioni alle autorità, per focalizzare l’attenzione sul caso della ex polveriera di Anagni. Abbiamo organizzato incontri e interessato la stampa locale e nazionale. Abbiamo fatto quello che la nostra condizione di associazione di cittadini ci consente di fare, con il magro risultato di constatare essenzialmente il disinteresse di chi dovrebbe manutenere, tutelare e valorizzare l’area, a beneficio di tutti.

È doveroso ringraziare le forze dell’ordine, i VVFF e tutti i volontari che si adoperano con encomiabile impegno per combattere l’incendio, ma non è sufficiente: è necessario avere cura dell’area e prevenire i disastri. Perciò, chiediamo che sia garantita la pulizia ordinaria del terreno dalle sterpaglie che si accumulano nel corso dell’anno per minimizzare il rischio incendi e che vengano intensificati i controlli a tutela dell’area anche per individuare chi, sistematicamente, vi deposita rifiuti in maniera abusiva ed in spregio delle più elementari norme di convivenza civile. Vogliamo notizie sulla bonifica con certezze sui tempi di realizzazione degli interventi stabiliti per le attività di caratterizzazione, per la quale sono stati già stanziati 2,9 milioni di euro, come ribadito nell’incontro tra MATTM e Regione Lazio del 7 marzo 2019 a Frosinone.
Chiediamo, inoltre, che l’amministrazione comunale di Anagni in carica istituisca un Tavolo in cui cittadini e associazioni possano affiancare l’amministrazione nella scelta del progetto migliore per l’utilizzo dell’area, perché nella Valle del Sacco si metta un freno al Consumo di Suolo e a nuovi impianti potenzialmente inquinanti e perché sia finalmente dato un senso all’oneroso impegno economico che grava sulle casse del Comune fin dal momento della sottoscrizione del mutuo per l’acquisto dell’area”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,147FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”