sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell’area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

Entro pochi anni uno dei più grandi elettrolizzatori d’Europa potrebbe sorgere nell’area portuale di Amburgo, in Germania. Sul progetto intendono investire insieme le società Vattenfall, Shell, Mitsubishi Heavy Industries (MHI) e il fornitore di calore municipale di Amburgo Hamburg Wärme. Il piano prevede la conversione dell’ex centrale elettrica a carbone di Moorburg in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt per ricavare idrogeno da energia eolica e solare. L’obiettivo è avviare la produzione a partire dal 2025. Ma non solo. Nello stesso sito le quattro società intendono anche sviluppare un “Green Energy Hub” per sviluppare su più fronti la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Germania a trazione green

Il progetto su cui puntano Vattenfall, Shell, Mitsubishi Heavy Industries e Hamburg Wärme, per il momento fermo però a una lettere di intenti, conferma la leadership tedesca in Europa sul fronte della transizione energetica e, nella fattispecie, nello sviluppo dell’industria dell’idrogeno verde. Un settore in cui nei prossimi anni la Germania investirà nove miliardi di euro. Secondo le ultime stime, entro il 2050 l’economia dell’idrogeno in Europa genererà 5,4 milioni di posti di lavoro e 800 miliardi di euro di vendite annuali.

Entro il 2050 l’economia dell’idrogeno in Europa genererà 5,4 milioni di posti di lavoro e 800 miliardi di euro di vendite annuali

Amburgo al centro dello sviluppo di idrogeno verde

In Germania, a guidare il trend sono le regioni settentrionali. In questo processo la regione metropolitana di Amburgo Amburgo, dove ha sede il terzo porto più grande d’Europa, svolge da tempo un ruolo chiave. Come spiega l’agenzia Ferpress, per il progetto di conversione dell’ex centrale a carbone di Amburgo i partner chiederanno un finanziamento nell’ambito del programma dell’Ue ‘Progetti importanti di comune interesse europeo’. Le società puntano proprio su Amburgo per la sua posizione logistica ed energetica nevralgica. Il suo porto è infatti collegato sia alla rete di trasmissione nazionale da 380.000 volt che alla rete da 110.000 volt della città. “Inoltre – sottolinea Ferpress – le navi d’oltremare possono fare scalo direttamente sul posto e utilizzare la banchina e le strutture portuali come terminal di importazione. L’azienda comunale di rete del gas intende inoltre espandere una rete di idrogeno nel porto entro dieci anni e sta già lavorando alla necessaria infrastruttura di distribuzione. Numerosi potenziali clienti per l’idrogeno verde si trovano vicino al sito, consentendo così al progetto di coprire l’intera catena del valore dell’idrogeno – dalla generazione allo stoccaggio, trasporto e utilizzo in vari settori”. Tutti motivi che fanno del polo di Moorburg e di Amburgo “un potenziale punto di partenza per lo sviluppo di un’economia dell’idrogeno”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto