sabato 6 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Rapporto tra ambiente e salute, la Francia condannata per “inazione climatica”

Lo Stato non avrebbe fatto abbastanza per diminuire le emissioni di CO2. L'”Affaire du siècle”, una sentenza storica dopo una battaglia durata due anni e sostenuta da oltre 2 milioni di cittadini

Una vittoria epocale. Lo Stato francese è stato condannato per “inazione climatica” dal Tribunale Amministrativo di Parigi, che ha emesso la sua sentenza due anni dopo l’incredibile mobilitazione scatenata dal cosiddetto “Caso del secolo”. La multa è simbolica (1 euro), ma ha un valore inestimabile.

Svolta per la lotta alla crisi climatica

Nel dicembre del 2018, infatti, quattro Ong (Oxfam, Greenpeace, Notre Affaire à Tous e la Nicolas Hulot Foundation) avevano accusato lo Stato francese di non aver diminuito le emissioni di CO2 come era necessario per rispettare gli Accordi globali sul clima firmati a Parigi nel 2015. Da quel momento, è iniziata una battaglia legale sostenuta da oltre 2,3 milioni di persone che hanno firmato la petizione “Affaire du siècle” (il Caso del secolo), lanciata on line, la più partecipata della storia della Francia e sostenuta da artisti e volti noti al pubblico, tra cui Marion Cotillard. Grazie a questa storica sentenza, da oggi le vittime dirette del cambiamento climatico potranno chiedere un risarcimento alla nazione, e si prevede che lo Stato francese dovrà affrontare una pressione senza precedenti per agire finalmente in maniera attiva contro la crisi climatica. Il Tribunale dovrà ancora decidere se ordinare allo Stato di prendere ulteriori misure per ridurre le sue emissioni di gas serra e rispettare i suoi impegni climatici.  Su questo ci sono nuove indagini in corso e si attende una nuova udienza in primavera. Ma, per ora, la giustizia ha riconosciuto le responsabilità di uno Stato sulla questione clima, giudicandola illegale, ed è una svolta che segna anche un importante progresso nel diritto internazionale.

La storia di Ella, morta “per inquinamento”

Lo scorso dicembre, anche il Regno Unito aveva riconosciuto l’inquinamento atmosferico come una delle cause della morte di una bambina di nove anni, Ella Kissi-Debrah, morta nel febbraio 2013 per una grave forma di asma, dopo numerose crisi e circa 30 ingressi in ospedale. Secondo le dichiarazioni del medico legale Philip Barlow, Ella è morta di asma, aggravata però dall’esposizione a un eccessivo inquinamento dell’aria e a livelli di biossido di azoto che a Lewisham, dove viveva, erano molto elevati, superiori ai limiti imposti sia a livello europeo che nazionale. Anche i livelli di particolato atmosferico, secondo Barlow, erano superiori alle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Questa sentenza è stata la prima nel suo genere e ha rappresentato un impulso a livello internazionale affinché i governi affrontino con serietà la questione dell’inquinamento atmosferico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto