mercoledì 20 Gennaio 2021

L’ambiente fa notizia

Dal mensile di dicembre – Nelle redazioni finalmente l’aria è cambiata. Se fino a poco tempo fa le news ambientali per trovare spazio dovevano essere drammatiche e pop, oggi trovano spazio anche le “soluzioni”

di MARCO FRITTELLA

Fino a qui l’informazione ha giocato, almeno in Italia, un ruolo assai residuale nel costruire la consapevolezza dell’urgenza ambientale. Relegate alle pagine interne, sempre a disposizione per lasciare spazio a notizie più “importanti”, fosse anche l’ultima dichiarazione di un “leaderino” di governo sulle schermaglie di potere, le notizie ambientali non hanno mai goduto di grande reputazione nei giornali o nei radio e telegiornali. Rapporti dell’Onu allarmanti o appelli di scienziati di tutto il mondo da noi sono sempre stati considerati nel novero delle notizie opzionali: quelle che si possono pubblicare o non pubblicare a piacere, senza che succeda alcunché. Con una sola eccezione, quella pop: la foto o il video del ghiacciaio che sciogliendosi crolla nel mare Artico con gran fragore e spruzzi d’acqua, dell’orso bianco prigioniero del mare o del cormorano coperto di catrame per l’affondamento di una petroliera. Per il resto silenzio, o quasi.

Ancora oggi, nonostante l’indebolimento dell’industria editoriale e il venir meno della centralità giornalistica, i media avrebbero la forza di imporre un tema nell’agenda pubblica: basta che lo vogliano, che lo ritengano utile ai loro interessi o, auspicabilmente, alla loro funzione. Finora lo hanno fatto poco e svogliatamente. Passi per i “disastri” dell’emergenza climatica, che tutto sommato possono sempre sperare in un titolo “strillato” o in un’immagine suggestiva. Ma quando ci si inoltrava per la strada delle “soluzioni” ai problemi ambientali si era davvero nel buio più assoluto: “questa roba annoia”, è stata la ripetitiva risposta dei capi delle redazioni alle proposte di qualche volenteroso giornalista “ambientalista”, un po’ acchiappafarfalle e fricchettone, uno di quelli che non faranno mai carriera perché troppo impegnati a perder tempo con i pericoli corsi dalla Caretta Caretta o dalla folaga delle paludi. “Annoia”: figuriamoci se possiamo dare un piede di pagina a quel tale che si è inventato come produrre la plastica dagli spinaci invece che con il petrolio. Colore, al massimo.

Così è andata finora: un mare di ignavia e frustrazione. Poi è successo qualcosa. Sarà che l’emergenza è diventata più stringente. Sarà per Greta o per il Papa. Sarà che si sente più caldo a Natale e le trombe d’aria fanno assomigliare Ostia a Miami beach. Ma nelle redazioni l’aria è cambiata.  Magari pesano le malefatte in Amazzonia della criminale politica di Bolsonaro o l’ottuso negazionismo di Donald Trump. sempre pronto ad autorizzare trivellazioni alla faccia di Parigi e di ogni altro accordo internazionale, ancorché flebile. Anche ammettendo un’astuta politica di green washing redazionale, finalmente i giornalisti – anche quelli italiani – hanno capito che l’ambiente è un tema che “tira”. Che insomma il pubblico ci sta, che se pubblichi certe notizie i lettori che ti sono rimasti ti leggono e si incuriosiscono. Meglio ancora se insieme alla cronaca dei disastri fornisci anche notizie su quel che di buono si fa nel mondo per contrastare il cambiamento climatico e la depredazione delle risorse naturali del pianeta.

Il risultato è abbastanza confortante: parole come economia circolare e sostenibilità ora trovano posto nei titoli, non sono più affare solo di quegli strambi che vanno a ripulire le spiagge, i corsi dei fiumi, le aree naturali (anche perché ogni anno sono più numerosi). Insomma, c’è una svolta: l’ambiente fa notizia, e non solo quando c’è un’alluvione, una frana o il distacco di un ghiacciaio grande come Manhattan. C’è più attenzione per il problema ma anche per le soluzioni e si moltiplicano articoli, inserti, “speciali” e dossier. Del resto, l’ambientalismo di suo risponde con una maggiore consapevolezza del fatto che ecologia e sviluppo devono camminare insieme, purché lo sviluppo sia appunto “sostenibile”. Salutiamo tutto questo come un fatto positivo, ancorché tardivo, che aiuta ad attrezzare un’opinione pubblica in grado di influenzare i decisori politici (magari mandando a casa i più dannosi tra loro, con uno fortunatamente abbiamo già cominciato).

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento