venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Ambiente e clima importanti per oltre il 90% dei cittadini europei

Clima indagine Eurobarometro

Per oltre il 90% dei cittadini europei la protezione dell’ambiente e del clima è importante. A dirlo è una nuova indagine Eurobarometro, secondo cui il 91% dei cittadini dei Paesi membri dell’Ue considera come un problema grave i cambiamenti climatici, mentre per l’83% è necessario un passo in avanti dal punto di vista legislativo per affrontare in maniera efficace questa emergenza. Oltre che da Bruxelles, risposte concrete devono però arrivare anche dalle grandi imprese e dall’industria, così come da ogni singolo cittadino che deve cambiare i propri modelli di consumo.

Le principali minacce per l’ambiente

L’indagine è stata condotta tra il 6 e il 19 dicembre 2019 in 28 Stati membri dell’Ue. Sono state intervistate di persona, presso il loro domicilio e nella loro lingua materna, 27.498 persone di diversi gruppi sociali e demografici. Per i cittadini europei, oltre che i cambiamenti climatici,  a rappresentare delle serie minacce per la ‘salute’ del Vecchio Continente sono anche l’inquinamento atmosferico e i rifiuti. Il 78% dei più di 27mila intervistati pensa che le questioni ambientali abbiano ricadute dirette sulla loro vita di tutti i giorni e sulla loro salute. Più di otto cittadini su dieci sono preoccupati per l’impatto delle sostanze chimiche presenti nei prodotti di uso quotidiano. Un forte sostegno generale viene espresso per le misure proposte volte a ridurre la quantità dei rifiuti di plastica e la loro dispersione nell’ambiente. In particolare, a emergere è la richiesta rivolta al mondo dell’industria di concepire la realizzazione dei prodotti in modo da facilitare il riciclaggio della plastica. Ma non solo. Industriali e commercianti dovrebbero sforzarsi di più per ridurre gli imballaggi di plastica, si dovrebbero prevedere interventi educativi rivolti ai cittadini su come ridurre i loro rifiuti di plastica, e le autorità locali dovrebbero mettere a disposizione strutture migliori per la raccolta di questo tipo di rifiuti e prevederne in numero più elevato. Al contempo, gli intervistati preferirebbero acquistare indumenti in grado di durare più a lungo e fabbricati con materiali riciclabili. Per sostenere questa auspicata svolta green, infine, servono maggiori investimenti nella ricerca e sviluppo e una maggior attività di informazione e di educazione. 

“I risultati di questa indagine non ci sorprendono – ha dichiarato il commissario per l’Ambiente, gli oceani e la pesca Virginijus Sinkevičius nel commentare i dati dell’indagine – Sono esattamente le preoccupazioni dei cittadini che noi vogliamo affrontare con il Green Deal europeo. Mi rincuora constatare che esiste un sostegno a favore di quei cambiamenti fondamentali che ci apprestiamo ad apportare alla nostra società e alla nostra economia e che i cittadini intendono svolgere un ruolo attivo in questo cambiamento”. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Leggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

101 Premi Nobel contro i combustibili fossili

Il Dalai Lama tra i firmatari di una lettera ai leader mondiali per chiedere un rapido passaggio alle energie rinnovabili. Per una transizione rapida e giusta

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto