sabato 16 Gennaio 2021

Amazzonia, i supermercati del Regno Unito minacciano di boicottare i prodotti brasiliani

Amazzonia deforestazioni

Le più grandi catene di supermercati del Regno Unito minacciano di boicottare i prodotti del Brasile per fare pressione sul presidente Jair Bolsonaro e indurlo a porre un freno alle deforestazioni selvagge in Amazzonia.

Come riportato da Climate News Network, oltre 40 aziende, tra cui Tesco, Sainsburys, Waitrose, Morrisons, Lidl, Asda e Marks & Spencer, hanno firmato una lettera aperta spiegando le ragioni del boicottaggio, a cui si sono uniti anche il fondo pensioni svedese AP7 e la società di servizi finanziari norvegese Storebrand.

Questa presa di posizione ha già sortito un primo effetto. Il Congresso nazionale brasiliano ha infatti deciso di rinviare la discussione di un disegno di legge fortemente voluto dal presidente e che se approvato, in sostanza, non farà altro che dare il via libera a nuove deforestazioni. Secondo l’Istituto Imazon, una delle principali ong brasiliane, se approvato il disegno di legge porterebbe infatti a un aumento delle deforestazioni tra 11mila e 16.000 chilometri quadrati.

“Se la misura dovesse passare, incoraggerebbe ulteriori appropriazioni di terre e una deforestazione diffusa che metterebbe a repentaglio la sopravvivenza dell’Amazzonia e il raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, minacciando i diritti delle comunità indigene”, si legge nella lettera. Pertanto, prosegue la missiva, “riteniamo che ciò metterebbe a rischio anche la capacità di organizzazioni come la nostra di continuare a rifornirsi dal Brasile in futuro”, sottolineando l’importanza della tutela dell’Amazzonia per l’ambiente e per la lotta globale ai cambiamenti climatici.

Oltre al Regno Unito, in attesa delle prossime mosse del governo brasiliano resta alla finestra anche il parlamento europeo. L’Ue deve ancora approvare un accordo commerciale con i Paesi del blocco Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay). Difficile però credere che Bruxelles andrà al muro contro muro con Bolsonaro per la salvaguardia dell’Amazzonia, con il rischio di veder migrare altrove i proventi di questa intesa. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia

Riscaldamento degli oceani, il 2020 è l’anno record

Ciascuno degli ultimi nove decenni è stato più caldo del precedente, mentre il Mediterraneo è il bacino che mostra il tasso di riscaldamento maggiore / Clima, 2020 l'anno più caldo per l'Europa / L’ecologismo è una forma di umanesimo. L'intervista a Telmo Pievani