lunedì, Ottobre 26, 2020

Una tazza di caffè per cambiare il mondo

L'immagine di alcuni prodotti di Altromercato

Un futuro migliore si può costruire anche scegliendo di gustare una tazza di caffè buono, frutto di una filiera di produzione che ha come propri caratteri distintivi l’etica, la sostenibilità ambientale e il rispetto del lavoro. Si tratta di un piccolo gesto quotidiano, che può fare la differenza come dimostra la storia di Altromercato, la principale realtà di commercio equo e solidale italiana e tra le più grandi al mondo.

Nato oltre trent’anni fa importando caffè dal Nicaragua e dal Messico, oggi il consorzio Altromercato continua a tenere fede ai suoi principi fondativi e alla missione che si è posto nel 1988: creare filiere socialmente e ambientalmente sostenibili, puntando sull’importazione di caffè di alta qualità da 14 organizzazioni di produttori del Sud America (Messico, Nicaragua, Guatemala, Repubblica Dominicana, Brasile e Perù), dell’Africa (Tanzania ed Etiopia) e dell’Asia (India). Realtà sparse in tutto il mondo con cui Altromercato ha instaurato da tempo partnership commerciali basate sui principi del fair trade. Si tratta, in pratica, di relazioni di lunga durata basate sul dialogo e sulla trasparenza, sul pagamento di un prezzo equo che permette dignità e giustizia sociale per i produttori, tutelando i territori e le comunità che li abitano, promuovendo il rispetto dei diritti umani, garantendo condizioni di vita sicure per chi lavora in questo settore.

Un'immagine stilizzata dei prodotti di Altromercato

Quella di Altromercato è una strategia coraggiosa e “controcorrente” in un momento in cui il caffè, complici le oscillazioni della borsa internazionale, è arrivato a un prezzo ai minimi storici degli ultimi anni.  Lavorare con le organizzazioni della filiera Altromercato permette ai contadini di ricevere sempre un prezzo più alto di quello stabilito dalle regole del mercato tradizionale e di avere una garanzia di durata della relazione che permette loro di pianificare attività e progetti per il futuro. È una relazione che si traduce per il consumatore in un caffè di alta qualità, davvero buono, che dai campi arriva direttamente alla tazzina.

Altromercato propone una gamma di caffè dall’intensità e dalle note aromatiche molto diverse e sorprendenti, legate alla biodiversità dei territori di provenienza: dalle monorigini alle miscele di arabica o robusta bio, decaffeinato e solubile; dai grani al macinato, dalle cialde fino alle nuove capsule compatibili Nespresso, tutti di altissima qualità e in eco pack riciclabile senza alluminio. Chi sceglie Altromercato compie un vero e proprio viaggio di sapori e profumi attorno al mondo. Un’occasione che piace sempre di più, considerati gli oltre 76 milioni di tazzine di caffè equo solidale Altromercato bevute in Italia tra il 2017 e il 2018, delle quali oltre 30 milioni sono bio.

Con l’obiettivo di promuovere e divulgare questo modello virtuoso, Altromercato dedica il mese di febbraio al racconto della filiera del caffè e lancia una speciale promozione: dal 7 al 24 febbraio 2019 acquistando un caffè Altromercato, nelle botteghe aderenti e online, si potrà ricevere uno sconto del 10% e partecipare all’estrazione di un viaggio di dieci giorni per due persone in Messico, organizzato in partnership con viaggigiovani.it. In palio anche altri premi legati al mondo caffè Altromercato, dalle tazzine in ceramica fatta a mano al cioccolato Mascao al caffè arabica bio. Ogni confezione di caffè corrisponde a un’opportunità di vincita. L’estrazione del concorso avverrà il 15 marzo. Il regolamento sarà consultabile su www.altromercato.it/concorso-caffe

Basta poco per costruire un futuro migliore: la qualità di una tazza di caffè di Altromercato aiuta a migliorare il mondo e renderlo più equo e solidale.  

Articoli correlati

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dagli incentivi alle tecniche di fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,899FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Elezioni Usa, Biden mette la questione climatica al centro della campagna elettorale

Una mossa inedita nelle presidenziali americane su cui il candidato democratico punta per sconfiggere il negazionista Trump. Ma nel suo Green new deal restano delle zone d'ombra, a cominciare dagli incentivi alle tecniche di fracking per l'estrazione di gas e petrolio

Presentazione del terzo rapporto Osservatorio sisma Fillea e Legambiente

Il convegno online dell’Osservatorio nazionale per una ricostruzione di qualità

Obiettivo Sarno

Il lockdown gli aveva restituito trasparenza ma le acque del fiume campano, il più inquinato d’Europa, hanno ripreso a cambiare colore con la ripartenza delle attività industriali e agricole

Alla sorgente dell’ispirazione

Ungaretti, Pasolini, Visconti, Mazzacurati, Rossellini, De Santis. Alcuni artisti che hanno narrato i fiumi o ambientato sui corsi d’acqua i loro capolavori

Roma, sul Tevere e sull’Aniene le barriere dei rifiuti

Due strutture sul Tevere e sull’Aniene raccolgono i rifiuti dall’acqua e ne cambiano la destinazione. Non più il mare aperto, ma percorsi virtuosi di economia circolare