sabato 23 Ottobre 2021

Acquista

Login

Registrati

Allo studio nuovi satelliti per monitorare i poli terrestri e la CO2

un'immagine del satellite "Sentinel 3B"

L’Europa aprirà nuovi ‘occhi’ nello spazio per monitorare i poli terrestri e le emissioni di anidride carbonica prodotte dall’attività umana. Sono le sfide che si profilano all’orizzonte per Copernicus, il più grande programma di osservazione satellitare della Terra gestito dalla Commissione europea in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (Esa). A descrivere gli scenari futuri sono gli esperti riuniti a Baveno per celebrare i 20 anni del Manifesto che ha portato alla nascita di Copernicus.
“Per la prossima evoluzione del programma, che chiamo Copernicus 2.0, abbiamo un pacchetto di satelliti che continueranno le osservazioni attuali, ed un altro pacchetto di Sentinelle ancora in fase di studio che monitoreranno nuovi parametri, come le emissioni di CO2 e i fattori ambientali che generano i flussi migratori”, spiega Josef Aschbacher, direttore dei programmi di osservazione della Terra dell’Esa. Un’altra missione cruciale, “dal punto di vista climatico ma anche geopolitico ed economico”, sarà quella del monitoraggio di poli terrestri. Questi sono “due punti ciechi per i satelliti attuali”, aggiunge Philippe Brunet, direttore della politica spaziale della Commissione europea. “Trovare le giuste orbite per coprire Artico e Antartide sarà una sfida, cosi come realizzare gli strumenti per distinguere la CO2 prodotta dall’uomo da quella prodotta dalla natura. Potranno esserci delle difficoltà dal punto di vista tecnico e tecnologico, per  cui non possiamo prevedere l’esatta tempistica di questa evoluzione. Di certo – conclude Brunet – dobbiamo iniziare a lavorarci fin da subito, perché ancora dobbiamo finire la ricerca, fare le calibrazioni e creare il segmento a terra che raccoglierà i dati. Il nostro obiettivo è il 2027″.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

QualEnergia SETTEMBRE/OTTOBRE 2021

FOCUS KEY ENERGY 2021 Fiera internazionale del clima, rinnovabili, efficienza e mobilità; Rimini 26-29 ottobre RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE In vista della Cop26 accelerare sul contenimento...

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Verso G20 di Roma e Cop26, Legambiente: “Urgente accelerare il processo della transizione ecologica”

Per l’associazione servono più comunità energetiche, parchi eolici, economia circolare, mobilità elettrica, cicli produttivi che non consumano più fonti fossili. Il 23 ottobre nella capitale flash mob per richiamare l’attenzione dei leader politici

Turismo sostenibile, investimenti da un milione di euro per la cooperativa Fairbnb

Grazie al supporto assicurato da Fondo Sviluppo, SEFEA Impact e Coopfond. Prenotando un alloggio su Fairbnb.coop chi viaggia ora avrà l'opportunità di contribuire alla campagna di crowdfunding “Alleva la speranza +”

Borghi d’Italia, presentato in Senato un protocollo per valorizzare turismo e cultura

I principali obiettivi sono progetti di sviluppo sostenibile, coinvolgimento delle comunità e nuovi posti di lavoro. Tra le associazioni firmatarie anche Legambiente: "I territori siano centrali nella transizione ecologica e digitale e non restino al margine della scommessa del Pnrr"

Stadi e impianti sportivi in Italia, il 60% costruito prima del 1980

Dal mensile - In Italia ci sono circa centomila impianti sportivi, il 60% costruito prima del 1980. Riqualificarli, evitando nuovo cemento, è la tattica vincente. Per tutti

Giochi senza impatto

Dal mensile - I testimonial green prendono campo nello sport. E con “Ecoevents” anche le grandi manifestazioni diventeranno sostenibili
Ridimensiona font
Contrasto