venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Alla sorgente dell’ispirazione

“E qui meglio / Mi sono riconosciuto / Una docile fibra / Dell’universo” cantava il poeta Ungaretti in un giorno d’agosto del 1916. Il qui era il letto dell’Isonzo in cui si bagnava, sentendosi una reliquia in un’urna al centro del resoconto in versi della sanguinosa Prima guerra mondiale. Poi racconterà degli altri fiumi della sua vita – il Serchio, il Nilo e la Senna – come in un’autobiografia scritta con i corsi d’acqua.

Il fiume è spesso un’unità di misura lineare della vita, non solo di chi ne scrive ma anche di chi ci vive e ne è influenzato. Pensate a come sarebbe Verona senza il suo Adige o Torino senza il Po. Ma anche città meno blasonate come Rieti appoggiano le loro domeniche di passeggiate su un corso fluviale. Il fiume è il luogo di magiche amicizie e influenze, come lo fu ad esempio il Tevere per Pasolini, scrittore e regista. Suoi i tuffi popolari da “Accattone” e gli attraversamenti fra ponti e tram dei suoi antieroici ma vitali “Ragazzi di vita”. Anche lui farà quell’ideale risciacquo nel corso d’acqua capitolino come il Manzoni in Arno – salvo poi cantare l’Adda che diventa lago – imparando un dialetto non suo, frequentando borgata e borgatari con ammirazione naif e amando un fiume adottivo tanto da ripercorrerlo quasi in un addio fino alla foce nella sua fatale ultima notte.

Cinema e letteratura hanno adottato e si sono fatti adottare dai fiumi. Il Po è in cima a ogni malia creativa: dalla “Ossessione” di Visconti agli esordi del ferrarese Antonioni e del prematuramente scomparso Carlo Mazzacurati di “Notte italiana”. Ma pure “Paisà” di Rossellini e “Riso amaro” di De Santis hanno offerto emozioni in fiumi, non solo di pellicola. Abbiamo citato alcuni dei film che hanno aperto la stagione del primo grande cinema italiano. Ma la vita dei canali padani ha affascinato anche narratori come Riccardo Bacchelli e, più vicino ai giorni nostri, Gianni Celati. A lui dobbiamo il diario di viaggio spaventato all’indomani di Chernobyl: “Verso la foce”. Un resoconto che finisce per essere, nel 1989, un allarme sull’inquinamento prevedibile e su quello imprevisto. Anche il Tevere è un motore di suggestioni, che ha fatto gridare a “La Grande Bellezza” un regista senza romanticismo come Sorrentino e al cupo, anche se ironico, “fiumicino cadaverino” la grande poetessa Amelia Rosselli, forse alludendo alla scarsa sensibilità ecologica di chi ci vive accanto ma ci lancia dentro frigoriferi o oli combusti. E un episodio del pluripremiato documentario “Sacro Gra” ci fa conoscere la vita di un pescatore di anguille a Roma.  Film e libri a parte, se i fiumi hanno un merito è in ogni caso quello di farci sentire davvero “una docile fibra dell’universo”, senza mai farci dimenticare che potremmo esserlo ancora di più se non li rispettassimo.

DA VEDERE: “Ossessione” di Luchino Visconti; “Notte italiana” di Carlo Mazzacurati

DA LEGGERE: F. Musarra “Fiumi reali e immaginari nella letteratura italiana. Luoghi, simboli, storie, voci” (Cesati editore)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Roberto Carvellihttp://www.carvelli.it
Sono nato a Roma nel 1968. Ho scritto "Perdersi a Roma. Guida insolita e sentimentale" (Iacobelli). "Letti" (Voland). "Le Persone" (Kolibris). Ho fondato e coordino www.perdersiaroma.it

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto