lunedì 18 Gennaio 2021

Alla radice del problema

foto di Loiacono.jpgNon è un numero come gli altri, quello che i nostri abbonati avranno fra le mani. E non poteva esserlo. L’emergenza sanitaria ci ha giustamente imposto modalità nuove di lavoro. Un giornale, soprattutto una rivista come la nostra, nasce all’interno di una comunità. Scrivere e impaginare un numero in smart working lo priva dello spontaneo scambio umano che lo arricchisce. Ma ci sono risvolti positivi nel telelavoro, soprattutto per l’ambiente, e dopo questa esperienza tutti avremo imparato a esaltare quelli che possono migliorare le nostre esperienze professionali.

Abbiamo messo un po’ di sale in più sul nostro lavoro mensile cambiando il tema della storia di copertina a pochi giorni dall’invio del numero in tipografia. Dietro c’è la scelta di raccontare quello che vediamo con le lenti dei giornalisti ambientali nel diffondersi del Coronavirus. Questa epidemia è l’ultimo di tanti disastri naturali che sconvolgono la Terra. Tutti di scala globale, tutti di dimensioni “mai viste”: gli incendi delle foreste a ogni latitudine, lo scioglimento dei ghiacciai, lo scongelamento del permafrost, gli eventi estremi, le temperature record. Per non dimenticare che la concentrazione di CO2 nell’atmosfera il 16 marzo è arrivata a 414,35 ppm.

“Natura malata, pianeta infetto”, il titolo scelto parafrasando un numero de L’Espresso del 1955, “Capitale corrotta, nazione infetta”, richiama alla circolarità dei fenomeni naturali e al loro intreccio con l’azione umana. La virologa italiana di fama internazionale Ilaria Capua, in un’intervista concessa a Rocco Bellantone, spiega che la nostra salute interagisce con quella del pianeta e che l’emergenza globale deve essere “sfruttata” per raggiungere la radice del problema: il rapporto squilibrato fra l’invasività delle attività e dei consumi dell’uomo e l’ambiente che lo circonda. I nostri due rubrichisti di scienza, Lorenzo Ciccarese e Domenico D’Alelio, ci spiegano poi come e perché l’uomo, per guarire, deve curare la natura. E dismettere – per dirla con le parole che il poeta Franco Arminio ci rivolge nell’intervista concessa a Elisabetta Galgani – la sua arroganza, il meccanismo di produzione-consumo che vede il pianeta solo come cava per estrarre ciò che serve.

Francesco Loiacono
Direttore La Nuova Ecologia. Giornalista ambientale autore di inchieste su dissesto idrogeologico, inquinamento industriale, bonifiche e amianto. Email: direttore@lanuovaecologia.it Twitter: @francloia

Articoli correlati

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia

Riscaldamento degli oceani, il 2020 è l’anno record

Ciascuno degli ultimi nove decenni è stato più caldo del precedente, mentre il Mediterraneo è il bacino che mostra il tasso di riscaldamento maggiore / Clima, 2020 l'anno più caldo per l'Europa / L’ecologismo è una forma di umanesimo. L'intervista a Telmo Pievani