martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Al via a Pesaro la Scuola di Bicipolitana

foto della Bicipolitana di Pesaro

Al via a Pesaro, presso il Palazzo del Comune, la “Scuola di Bicipolitana”.  Si tratta del primo corso di un ciclo di formazione gratuito sulle soluzioni tecniche e progettuali capaci di far crescere su scala urbana e periurbana una mobilità ciclistica di qualità e per la realizzazione di Bicipolitane. Organizzato dal Comune di Pesaro e da Legambiente in collaborazione con Anci – con il supporto scientifico di Legambici – è un’occasione di formazione e di confronto rivolto principalmente ai decisori pubblici, ai tecnici comunali, ai mobility manager e ai professionisti del settore, ma anche a stakeholder e cittadini.

L’obiettivo è di condividere intenti, strategie e strumenti, atti a rispondere nel migliore dei modi alla richiesta di cambiamento delle aree metropolitane italiane, che danno segni un po’ ovunque di voler uscire dalla motorizzazione indiscriminata. La Scuola consentirà di mettere a punto una “cassetta degli attrezzi” contenente strumenti tecnici e normativi per un’adeguata pianificazione e progettazione di reti ciclabili e ciclopedonali e l’acquisizione degli elementi chiave che rendono le buone pratiche replicabili in altri contesti o luoghi.

Per questo sarà dato ampio spazio ai casi studio, a partire proprio dalla Bicipolitana di Pesaro, una delle esperienze più innovative, creative ed efficaci nel campo della ciclomobilità. La rete di percorsi per i ciclisti urbani s’ispira allo schema di una metropolitana di superficie con 11 itinerari colorati che si estendono per 88 km e collegano le diverse zone della città, permettendo spostamenti rapidi, flessibili, sicuri e riducendo l’impatto del traffico motorizzato. L’idea di una Bicipolitana, l’assimilazione di un’infrastruttura specialistica in un ambito collettivo e condiviso, dotata di identità e segnaletica proprie del trasporto pubblico locale – con linee, fermate, collegamenti – ha fatto sì che a Pesaro il 29% dei cittadini usino la bicicletta per i loro spostamenti quotidiani e per il tempo libero: otto volte in più della media nazionale.

Non è solo una rete ciclabile ben connessa, sicura e realizzata con i migliori criteri sia urbanistici che trasportistici, attirando quindi traffico crescente anche sulle quote pedonali e di Tpl, ma ha centrato anche un importante obiettivo di comunicazione, che offre un motivo in più per rendere facilmente replicabile il suo modello. E molte amministrazioni hanno già preso contatto con Pesaro per chiedere assistenza e realizzare a loro volta la Bicipolitana nei propri territori. “La qualità delle infrastrutture per la mobilità ciclistica è il fattore determinante per la crescita degli spostamenti in bicicletta – spiega Alberto Fiorillo, responsabile Aree urbane e mobilità di Legambiente e curatore del rapporto di Legambici “L’A Bi Ci 2018”  – Tante persone cominceranno a pedalare come hanno fatto i cittadini di Pesaro o di Bolzano se potranno contare su percorsi progettati e realizzati con cura, sicuri, accessibili, coerenti, logici, privi di ostacoli, trappole, zig zag. Evitare gli errori più comuni nella pianificazione e nella realizzazione delle infrastrutture ciclabili, indirizzando correttamente le risorse, è l’obiettivo principale della Scuola di Bicipolitana”.

info www.legambiente.it

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto