lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Agromafie in crescita del 54,9%: in attesa dell’approvazione del ddl

L’iter del disegno di legge è fermo alla Camera ma la lotta all’agropirateria e sicurezza alimentare non possono più attendere. Oggi alle 17.30 online un incontro promosso da Legambiente e Cibo diritto

Le agromafie sono un fenomeno complesso e pervasivo nei territori e nei processi economici e ambientali. Il Rapporto Ecomafia 2020 ha rivelato come infrazioni penali e illeciti amministrativi contestati in ambito agroalimentare accertate dalle forze dell’ordine nel 2019 abbiano raggiunto quota 69.369 (circa 190 al giorno) con una crescita annua straordinaria del 54,9%. Una cifra che esprime bene l’aggressione al patrimonio agricolo e al sistema dei diritti vigente nel paese, in alcuni casi in ragione del condizionamento e interesse diretto delle organizzazioni mafiose e, in altri casi, per mezzo dell’attività di imprenditori che agiscono in maniera criminale insieme ai loro referenti professionali, in violazione dei diritti del lavoro, ambientali e della concorrenza. Diffuse da anni in tutta Italia, seppure con declinazioni diverse a seconda dei territori, le agromafie sono un fenomeno complesso, perché capaci di penetrare e radicarsi nel tessuto sociale, economico e politico, con conseguenze spesso drammatiche per l’ecologia, la cittadinanza e lo stesso stato di diritto.

Per questo Legambiente e Cibo diritto promuovono oggi in diretta streaming un incontro per parlare dell’iter di approvazione del disegno di legge sui reati agroalimentari, attualmente fermo alla Camera, che introduce nuovi delitti, dall’agropirateria al disastro sanitario e rende più efficace la tutela penale dei un settore fondamentale della nostra economia, della salute dei cittadini e dell’ambiente in cui viviamo. Alla tavola rotonda online parteciperanno Elisa Scutellà, deputata, relatrice del ddl in Commissione giustizia della Camera, Mino Taricco, senatore, Commissione Agricoltura, Giovanni Mininni, segretario generale Flai, Maria Grazia Mammuccini, presidente di Federbio, l’avv. Stefano Palmisano di “Cibo diritto” e Angelo Gentili, responsabile Agricoltura di Legambiente, moderati da Enrico Fontana, responsabile dell’Osservatorio nazionale Ambiente e legalità di Legambiente.

Secondo il rapporto Ecomafia al primo posto si trovano le infrazioni compiute nel settore della tutela della flora con 14.652 reati e illeciti amministrativi. Al secondo posto, i prodotti ittici con 11.694 reati e illeciti amministrativi; al terzo posto, la vigilanza venatoria, l’uccellagione e le attività collegate con 11.387 reati e illeciti amministrativi registrati. L’intero valore dei sequestri per frodi agroalimentari è stato di 550.967.132 euro, mentre le sanzioni penali e amministrative ammontano a 55.711.389 euro. Somme rilevanti a cui aggiungere 3.057.971 euro derivanti dai pagamenti in misura ridotta di contestazioni per norme violate. La stima del valore del pesce sequestrato nel 2019 è di 10.441.618 euro, a cui si devono aggiungere i 32.500.000 euro di stima per 65 imbarcazioni sequestrate. Mentre 21.129.190 euro sono i contributi illeciti percepiti e le frodi in danno dello Stato e dell’Unione europea che costituiscono un’altra delle voci più importanti nel business plan agromafioso.

Oltre all’analisi dei dati, è utile riflettere su uno dei concetti cardine delle agromafie: quello dello sfruttamento lavorativo. Secondo la Flai Cgil, sono ben 180.000 le persone che in Italia, solo nel settore agricolo, vivono annualmente condizioni di fragilità e ricattabilità endemiche e per questo spesso sono gravemente sfruttate se non addirittura ridotte in schiavitù.

Tornando a Ecomafia 2020, si rileva un aumento generale dei fenomeni illegali, a evidenziare, nel contempo, un lavoro sempre più coordinato da parte delle forze dell’ordine e di molte procure. Sono stati condotti nel 2019, contro le illegalità nella filiera agroalimentare, 614.840 controlli da parte delle forze dell’ordine e dei vari organi dello Stato (pari a 1.684 controlli al giorno) e si è registrato un aumento annuo del 19,3% delle persone denunciate e del 22,2% di quelle arrestate. Risultati che derivano anche da una migliore applicazione della legge 199/2016 contro lo sfruttamento e il “caporalato”, frutto di una rinnovata consapevolezza sociale e politica rispetto alla pericolosità delle agromafie.

Oggi alle 17.30 in diretta streaming su legambiente.itcibodiritto.comagricoltura.legambiente.itlanuovaecologia.it e sulle relative pagine facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto