martedì 26 Gennaio 2021

Agricoltura, l’insostenibilità del metodo convenzionale industriale

L'immagine di un trattore in un campo

Legambiente ha lanciato un appello per sostenere l’affermazione in tutta Italia di un modello di sviluppo agricolo sostenibile. Il documento, sottoscritto da un nutrito gruppo di ricercatori e docenti universitari nonché da esperti e addetti ai lavori, è un modo per rispondere con la forza delle idee e del rigore scientifico a chi accusa l’agroecologia di inquinare più dell’agricoltura convenzionale – poiché farebbe uso di pesticidi e di rame – come ha fatto a più riprese la senatrice a vita e docente all’Università Statale di Milano Elena Cattaneo. Un tentativo denigratorio osteggiato, tra gli altri, da Giovanni Dinelli, professore ordinario all’Università degli studi di Bologna nel Dipartimento di scienze e tecnologie agro-alimentari.

Perché ha firmato l’appello di Legambiente?

Trovo le motivazioni di chi denigra il modello dell’agricoltura biologica e dell’agroecologia assurde. Il biologico è scientificamente riconosciuto come un metodo di produzione agricola con un impatto ambientale nettamente inferiore rispetto a quello convenzionale industriale. La produzione di derrate alimentari è un sistema che non può più reggere.

Perché?

G.dinelliOggi questo tipo di sistema per produrre una caloria alimentare ne brucia 7,5. Basta questo esempio per spiegare che non è più sostenibile. Continuare a investire in questo modello significa non considerarne le conseguenze negative per l’ambiente e per l’economia.

È realistico credere in una conversione integrale dell’agricoltura al modello biologico?

Forse non tutta l’agricoltura potrà diventare biologica, ma la strada deve essere questa. Il biologico di certo non potrà mai registrare gli stessi livelli di produzione di quella convenzionale, ma la domanda che dobbiamo porci oggi è “quanta energia abbiamo e quanta ne possiamo spendere per produrre un prodotto agricolo?”. L’agricoltura biologico e l’agroecologia possono dare risposte sostenibili a questa domanda. Quella industriale no.

Articolo tratto dal mensile La Nuova Ecologia marzo 2019

Copertina Nuova Ecologia marzo 2019

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Tutte le verità sul biometano

Siamo il quarto Paese al mondo per numero di impianti di produzione di biogas e biometano dalla frazione organica dei rifiuti e dagli scarti agroalimentari. Ma l’opinione pubblica è diffidente, anche perché informata poco e male

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici