mercoledì 20 Gennaio 2021

Agitu Gudeta trovata morta in casa

Profuga etiope, gestiva un allevamento di capre in Trentino. Nel 2019 è stata finalista al Premio Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno e nel 2020 Legambiente le ha assegnato la “bandiera verde”, vessillo simbolo di sostenibilità sull’arco alpino. Arrestato un suo dipendente, che ha confessato di averla uccisa con un martello. Il ricordo del comitato organizzatore del Premio

Agitu Gudeta, la profuga etiope che in Trentino gestiva un allevamento di capre è stata trovata morta nella sua abitazione. Sul corpo della donna di 42 anni sono state trovate alcune ferite. In passato la donna aveva denunciato episodi di razzismo, e il suo impegno è sempre stato un esempio positivo, infatti nel 2019 è stata candidata al premio “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno”. Ad ucciderla sarebbe stato un suo dipendente di origine ghanese. È quanto emerso dall’interrogatorio dell’uomo arrestato dai carabinieri della compagnia di Borgo Valsugana, che hanno trovato anche l’arma del delitto: un martello.

Agitu Ideo Gudeta alcuni anni fa aveva recuperato un terreno in abbandono e aveva deciso di allevare un gregge delle capre Mochena, altrimenti destinate all’estinzione. Arrivata in Italia a 18 anni per studiare Sociologia all’università di Trento, era tornata in Etiopia da dove fuggì nel 2010 per le minacce di arresto da parte del governo visto il suo impegno contro il fenomeno del “land grabbing”, l’accaparramento di terre da parte di multinazionali a danno degli agricoltori locali. Agitu Gudeta si era ricostruita una vita avviando un’impresa chiamata “La capra felice” che produce formaggi a Frassilongo (Tn), nella valle dei Mocheni.

“Ricordiamo, con profondo dolore e tristezza, Agitu Ideo Gudeta: la pastora e casara etiope, residente a Frassilongo, in Trentino, violentata e barbaramente uccisa da un suo collaboratore al termine di una lite, come le indagini hanno rivelato, legata a motivi d’interesse – scrive il comitato del Premio Luisa Minazzi – Agitu Ideo Gudeta, laureata in sociologia all’Università di Trento, nel 2019 era stata fra gli otto destinatari del premio Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno. Il riconoscimento le era stato conferito per il suo impegno, nel paese d’origine, contro il fenomeno del land grabbing, una battaglia che l’aveva costretta a rifugiarsi in Italia, nel 2010, dopo le minacce ricevute dal governo. E poi per la lungimiranza, la visione d’impresa e la tenacia, anche a fronte degli episodi discriminatori che aveva subito, con cui gestiva “La capra felice”: l’azienda casearia e cosmetica che aveva fondato nella Valle dei Mòcheni, allevando la varietà ovina del posto nel segno della sostenibilità e dell’eccellenza, il progetto al quale si dedicava con spirito innovativo e amore verso gli animali del suo gregge (alla cerimonia di premiazione aveva deciso all’ultimo momento di partecipare in remoto proprio per non allontanarsi dall’attività). Il primo gennaio 2021 avrebbe compiuto 43 anni, un atto brutale, un femminicidio ha messo fine alla sua vita coraggiosa”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Summary
Agitu Gudeta trovata morta in casa
Article Name
Agitu Gudeta trovata morta in casa
Description
Il brutale assassinio di Agitu Gudeta, violentata e uccisa a martellate. Nel 2019 era stata finalista al Premio Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno e aveva speso la sua vita per l'integrazione e l'ambiente.
Author
Publisher Name
La Nuova Ecologia
Publisher Logo
Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"

Premio “Verso un’economia circolare”, tutti i riconoscimenti della quarta edizione

Un concorso nazionale promosso da Fondazione Cogeme e KyotoClub, rivolto a enti locali e ad aziende che favoriscono la transizione ecologica

Agricoltori in difesa del suolo, online le lezioni di sostenibilità

“Cia per il suolo” è lo spazio virtuale, disponibile a tutti, con il quale si avrà accesso a 14 video-lezioni realizzate per promuovere le “Linee guida volontarie” della FAO

Marine litter, tartaruga Caretta caretta morta a Punta Pellaro

Aveva ingerito un grosso amo, recuperata il 18 gennaio da guardie ecozoofile locali

A Nemi la raccolta differenziata vola dal 4 al 75%

Nel comune dei Castelli Romani balzo in avanti già dal primo mese in cui sono stati eliminati i cassonetti stradali. Scarti cittadini ridotti di circa un terzo e oltre l'80% in meno di indifferenziato a smaltimento
Summary
Agitu Gudeta trovata morta in casa
Article Name
Agitu Gudeta trovata morta in casa
Description
Il brutale assassinio di Agitu Gudeta, violentata e uccisa a martellate. Nel 2019 era stata finalista al Premio Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno e aveva speso la sua vita per l'integrazione e l'ambiente.
Author
Publisher Name
La Nuova Ecologia
Publisher Logo