martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Africa, il continente “nascosto”

L'immagine di donne africane al lavoro nei campi

Un continente pronto a esplodere, epicentro dei cambiamenti climatici e di ondate migratorie incontrollate. È un’immagine distorta e farcita di stereotipi quella che la maggior parte dei media italiani trasmette delle questioni ambientali connesse all’Africa. A dirlo è il rapporto “L’Africa Mediata”, realizzato da Amref Health Africa-Italia con il contributo dell’Osservatorio di Pavia.
Lo studio, presentato a Roma lo scorso 23 ottobre e riferito ai primi sei mesi del 2019, passa al setaccio i programmi di informazione di sette reti generaliste, 80.000 notizie mandate in onda dai telegiornali, 800 notizie delle prima pagine di sei quotidiani nazionali, oltre a migliaia di post su Facebook e Twitter. A emergere è l’italocentrismo di cui difetta l’informazione nostrana. In pratica, del continente che abbiamo di fronte si parla quasi esclusivamente se le notizie riguardano nostri connazionali: vale per gli attentati di matrice jihadista, per i rapimenti o gli incidenti aerei. I fenomeni ambientali restano invece isolati nelle retrovie di palinsesti e foliazioni, anche se provocano centinaia di morti e migliaia di sfollati, come è accaduto con i cicloni che nella scorsa primavera hanno devastato il Mozambico.
Un’altra dinamica interessante rimanda ai collegamenti fra cambiamenti climatici e flussi migratori. «Una relazione che emerge poco nei media italiani, soprattutto nei telegiornali – spiega la curatrice del rapporto per l’Osservatorio di Pavia, Paola Baratta – Non si spiega, ad esempio, che i disastri ambientali sono sì causa dei flussi migratori, ma di quelli interafricani e non delle rotte che portano al Mediterraneo». È il caso di quanto sta accadendo lungo le rive del Lago Ciad, il cui prosciugamento, causato dall’installazione di 80 dighe per alimentare l’irrigazione di coltivazioni agricole intensive, ha innescato emigrazioni forzate dai villaggi rivieraschi.
In questo quadro ci sono comunque contenitori che riescono a tenere la giusta distanza rispetto all’Africa, pur non potendosi appoggiare a corrispondenze dall’estero: da Tg3 Mondo di Maria Cuffaro a Propaganda Live di Zoro, passando per i quotidiani tradizionalmente sensibili agli affari internazionali come Avvenire e il manifesto. Si tratta comunque di un bacino marginale rispetto al mare magnum della nostra informazione generalista.

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto